giovedì 23 nov
  • Fesso, ma consapevole

    Poi un giorno ti arriva una multa, e scopri che a Palermo sono ancora in vigore le targhe alterne. Lo scopri, letteralmente, perché eri convinto che non fossero più in vigore da tempo. I giornali ne hanno parlato, i primi tempi. Contavano le multe, intervistavano gli automobilisti e i vigili urbani. Poi ci dev’essere stato qualcosa di mezzo, forse l’estate, e delle targhe alterne non si è parlato più. Non che i giornali potessero continuare a pestare sempre la stessa acqua nello stesso mortaio; ma insomma, forse un promemoria si potrebbe pure fare, ogni tanto.

    Insomma, ti arriva la multa. Multa sostanziosa, fra l’altro. E vorresti imprecare contro questa tassazione impropria, condividere con amici e parenti la tua rabbia, la tua buonafede. Però, se guardi veramente dentro il tuo cuore, devi ammettere che ogni scusa è solo un pretesto. Tu sapevi, in fondo. Magari ecco: l’avevi dimenticato per quella forma di vertiginoso oblio che nasce dall’osservazione del disastro circostante.

    Più o meno inconsciamente hai pensato: ci sono ancora le targhe alterne? Boh. E la mia targa com’è? Per sì e per no io vado, devono beccare proprio me? E poi il pensiero-fine-di-mondo, quello che veramente ti ha fregato: con tutti i delinquenti che ci sono in giro, devono prendersela proprio con me? Col disastro che è Palermo, la Sicilia, l’Italia, l’Europa, l’Occidente Industrializzato, proprio io devo essere a pagare fra tutti?

    La risposta è sì: devi pagare perché sei tu il fesso della situazione. Non fesso perché non conosci nessuno che ti faccia togliere la multa. Fesso perché a questo disastro sotto le cui macerie sei finito hai contribuito anche tu.

    (in collaborazione con www.robertoalajmo.it)

    Palermo
  • 9 commenti a “Fesso, ma consapevole”

    1. Consiglio vivamente l’installazione nell’auto di un impianto a gas.
      Si inquina meno a parità di percorrenza chilometrica, si risparmia sul prezzo del carburante e ci si può permettere di… infischiarsene delle targhe alterne! 😉

    2. L’obsolescenza della regola (e quindi della sua credibilità ed efficacia effettiva) andrebbe studiata sotto il profilo sociale, economico e giuridico.

    3. Concordo con l’autore del post.

    4. Dott. Didonna…
      😀
      come lei nessuno mai… riesce a lasciarmi senza parole!!!
      🙂

    5. cmq voleva essere un complimento!!!

    6. Ma i palermitani sanno anche che sono ancora in vigore le seguenti norme del codice della strada?:
      1 – non si passa con il rosso;
      2 – non si sorpassa a destra;
      3 – non si suona il clacson senza motivo;
      4 – non si posteggia nè in 2^ fila , ne’ sul marciapiede;
      5 – al semaforo rosso bisogna fermarsi PRIMA della strisce pedonali, non DOPO o SULLE;
      6 – non si percorre una strada cotrosenso;
      7 – è obbligatorio l’uso delle cinture;
      8 – mentre si guida non si parla al cellulare;
      ecc. ecc. ecc.

      …e sono norme in vigore anche se non se ne parla mai sui giornali!

    7. Caro Alajmo, l’ordinanza che disciplina la circolazione a targhe alterne è ancora in vigore. Qualora l’ordinanza venisse revocata, non pensa che tale notizia sarebbe pubblicata sulle principali testate giornalistiche locali compreso questo blog? Quindi…pagare e sorridere!!!

    8. 9.inutile ,anzi dannoso,avanzare in mezzo all’incrocio quando la tua colonna e’ ferma.
      10.non si invade la corsia che non ti appartiene.
      .
      al mio omonimo “giorgio”:
      .
      Non farebbe bene l’amministrazione a ricordare ,
      almeno una volta ogni mese,
      ai cittadini ,che
      l’ordinanza targhe alterne e’ ancora in vigore?

    9. ahò è na multa eh! mica a fine der mondo!

    Lascia un commento (policy dei commenti)