martedì 22 ago
  • Martedì, giorno delle navi da crociera

    A Palermo sappiamo tutti della circolazione caotica e delle macchine in terza fila ecc…ma il martedì arrivano i turisti sbarcati dalle navi da crociera.
    Facciamo loro una bella accoglienza.
    Alcuni girano a piedi, altri in calèche, altri ancora in tassì. I tassisti e i cocchieri s’improvisano guide turistiche e fanno vedere le bellezze di Palermo tra le quali il Teatro Massimo, una piccola sosta il tempo di prendere alcune fotografie e via verso altri monumenti.
    Ma è li proprio che i zelanti vigili urbani, ben istruiti, si sa, sulla nozione di legalità, si mettono con ardore e fischietti a fare fuggire i tassisti e i cocchieri con i loro malcapitati turisti. Via, via non ci si può fermare, via….
    Pochi metri più avanti c’è un bar che ha sistemato tavoli e sedie sulla strada e i passaggi pedonali il che obbliga i pedoni a camminare in mezzo alle macchine, un pò più avanti ancora una lunga fila di moto e macchine posteggiate in zona rimozione…
    Sono stufa.

    Ospiti
  • 3 commenti a “Martedì, giorno delle navi da crociera”

    1. Parliamo degli “GNURI”… il peggio del peggio.
      tra di loro avanzi di galera e non certo stinchi di santo. Si sente dire in giro che tra loro ci sia gente implicata i corse di cavalli clandestine (gestite dalla criminalità?)
      il peggio del peggio e lo stato che fa?

    2. no vi prego, che se in questa città c’è chi veramente può fare sempre quello che gli pare sono proprio i tassisti e soprattutti gli “gnuri” che occupano tutti i passaggi pedonali costringendoti ad un tete a tete con i loro cavalli perchè forse pensano che così facendo il turista possa essere invogliato al giro in carrozzella, che occupano corsie preferenziali parcheggi per pullman (quei pochi esistenti) e piazze monumentali (proprio quei famosi martedi di crociera guai a passare dai 4 canti di città) e vogliamo parlare di quelli che non hanno nemmeno le sacche “contenitive”?…… ben vengano i vigili………

    3. Eloisa cara come hai ragione, ma ha ragione anche chi dice che non s ene può più del caos imparante di una città che ai turisti fa venire voglia du scappare e che costringe le guide ad arrmapicarsi sugli specchi per giustificare e spiegare il traffuco esasperante, i marciapiedi dissestati e occupati da tutto e di più e l’arraffa arraffa che si vede al prto da parte anche di gente senza alcuna qualifica del malcapitato turista che si sente immerso in una bolgia infernale

    Lascia un commento (policy dei commenti)