sabato 19 ago
  • Armao: “Palermo capitale europea della Cultura nel 2019”

    L’assessore regionale all’Economia della Regione Siciliana Gaetano Armao intervenendo alla tavola rotonda Le città e il cambiamento possibile ha proposto l’idea non inedita di Palermo capitale europea della Cultura nel 2019.

    Armao ha dichiarato: «Le città siciliane sono un motore fondamentale della società e dell’economia siciliana. Non solo quali propulsori sociali e di attività culturali e produttive, ma anche straordinarie fonti di attrazione turistica. Le città devono ritornare a essere catalizzatori di energie sparse sul territorio. Ricominciamo da grandi iniziative culturali, produttive, urbanistiche. Pensiamo ai grandi progetti presentati dal Masterplan di Assindustria-Palermo, presentiamo entro il 2012 la candidatura di Palermo a capitale europea della cultura 2019. Già la semplice candidatura implicherebbe l’aggregazione delle energie migliori della città fuori da inutili divisioni».

    Palermo, Sicilia
  • 39 commenti a “Armao: “Palermo capitale europea della Cultura nel 2019””

    1. AH AH AH
      AH AH
      AH AH AH
      AH
      come comico lo avevamo già notato, per il resto…
      Pero’, tutte in una volta come ora non le aveva ancora dette…

    2. MUNNIZZA
      da non trascurare.

    3. palermo meriterebbe assolutamente questo riconoscimento. aldo e gigi, si vede che non conoscete l’europa: sotto il punto di vista architettonico, storico e geografico, palermo non ha nulla da invidiare alle altre città europee, anzi.

    4. se vai a Vienna,e vai nei vicoli,non trovi a terra
      nemmeno la cartina di una caramella.
      Se vai a Parigi,idem.Cosi’ a Lugano.
      Idem Amburgo,Francoforte o Copenaghen
      Idem Amsterdam.Cosi’ pure Stoccolma.
      Perfino Londra o Madrid,o Glasgow,sono piu’ pulite.
      Non so se ti basta,o mi devo rifare il giro?

    5. Mettici pure Bruxelles e Brugge.

    6. Noi certamente,nel 2011,una coltura l’abbiamo,la MUNNIZZA.

    7. che poi e’ anche una forma culturale.

    8. nel senso che e’ la cultura di un popolo
      e dei suoi governanti.

    9. @Peppino:
      Non si discute sul patrimonio culturale di Palermo, ma si nutrono forti dubbi sulla possibilità che il degrado in cui è sprofondata possa venire colmato in soli 8 anni, tanto da renderla quanto meno decorosa e presentabile.
      E non mi riferisco solo alla mancanza di risorse…..

    10. sulla condizione della pulizia è chiaro che avete ragione, e anche sui tanti altri problemi che soffre la nostra città.. ma allora che si fa? aspettiamo la prossima era glaciale? quando e come pensate che si possa “risorgere” tutti insieme da questa maledetta situazione? questa alla fin fine potrebbe essere comunque un’opportunità da non sprecare, nel senso: almeno proviamoci, diavolo!

    11. potrebbe essere necessario che si avvicendino molte generazioni,per potere avere una citta’ vivibile,sempre che scuola e famiglia svolgano il ruolo educativo per cui sono state istituite.
      Per adesso la situazione e’ quella che e’,e non e’ detto che non peggiori.
      Cosa vuol dire proviamoci,diavolo?
      Che possiamo fare?

    12. @peppino:ok proviamoci..vasectomia gratis per tutti

    13. Peppino, non hai capito un c…zo. Mi riferivo all’individuo e a tutte le m…hiate che dice da quando recita nella pseudo-politica, che non hanno nessun riscontro nella fattibilità, finché ci saranno tutti questi pseudo-politici – di ogni colore – in mezzo ai piedi. Ma non l’avete capito che questo è capace solo di ricamare con le parole e salta di posto in posto, di ruolo in ruolo?
      Mia nonna gli direbbe “va fatti l’avvocatu ca cc’ia nziaitti!”
      P.S. quanto all’Europa: preferisco non risponderti. L’hai sparata più grossa dell’individuo in questione. Anche se “semu i megghiu” (nta…) esci ra tana ogni tanto! 😀 senza astio beninteso.

    14. cul-tura

    15. gigi, e io invece sono d’accordo con armao. e me ne fotto del suo colore politico, ecc, ecc. bisogna cominciare. potrebbero arrivare soldi, di conseguenza lavoro, di conseguenza dignità, amore per questa terra, ecc, ecc. per quanto concerne l’enorme e unico patrimonio architettonico, culturale, storico della nostra città, se siete così ignoranti da non conoscerlo, purtroppo non posso farci niente, a parte consigliarvi d’andarvelo a studiare. essere orgoglioso della propria terra e della propria cultura, e sperare che questa migliori, non c’entra un bel niente con “semu i megghiu ‘i tutti”, semmai c’entra con “chiù scuru ‘i menzannotti ‘un pò fari”; o con “Tempu e malutìempu ‘un dura sempri un tìempu”.do you understand me?

    16. Peppino, qui se c’è qualcuno che dimostra ignoranza, puerilità, e mi dispiace dirlo… (mi autocensuro, ma ci capiamo), sei tu, che credi che Palermo ha un patrimonio unico

    17. dimmi dove esiste lo stile arabo-normanno nel mondo. dimmi dove è presente qualcosa di paragonabile al castello della zisa, ai dipinti della cappella palatina, o alla chiesa della martorana. dimmi dov’è sepolto federico II (lo stupor mundi). dimmi dov’è nata la lingua italiana, il primo parlamento d’europa, eppoi possiamo continuare questa nostra per me gradevolissima discussione.

    18. Peppino, qui se c’è qualcuno che dimostra ignoranza, puerilità, e mi dispiace dirlo… (mi autocensuro, ma ci capiamo), sei tu, che credi che Palermo ha un patrimonio unico. Ma che dici? Vuoi che ti faccia una lista di almeno 200 città altrettanto interessanti in Italia in Europa e nel mondo?
      Poi, non capisci quello che leggi? Io non critico l’idea, ma chi la dice, e non per il colore politico, ammesso e non concesso che in Sicilia esista la politica e il colore, ma critico un uomo che è abituato ai bla bla bla, che ricama con le parole per mestiere e per darsi un ruolo, ma che non ha fatto un tubo, critico l’assenza di fattibilità, perché mancano le competenze, e queste cose se improvvisate e messe in mano a questi dilettanti fanno solo danni. Hai capito ora?

    19. 1. no, gigi, no altrettanto interessanti, perché grazie a dio è chiaro che nel mondo ci sono centinaia(forse migliaia) di città altrettanto interessanti, ma città con quelle particolari peculiarità che sopra t’ho elencato.
      2.t’ho capito, gigi. però meglio qualcuno che ci prova e sbaglia, al nulla più totale.

    20. Vi invito a essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori e a utilizzare un linguaggio consono. Grazie.

    21. Puerile, ridicolo. Non partecipo a questo gioco. Altrimenti dovrei farti la lista di monumenti, opere, epoche, di Firenze, Roma, Venezia, Parigi, Londra…
      che tristezza!
      Ma lo sai fin dove sono arrivati gli arabi e certi stili?
      Da dove venivano i normanni? e le maestranze che citi? O credi che sono stati solo in Sicilia? BOH!

    22. cugino, chiudila qua. il mix dello stile arabo-normanno si vede che non ti piace. cambia city, accussì sì chiù cuntìentu. v’assìettati sutta ‘o duòmu ‘i milanu e va’ canta “o mia bella, madunina”. cioè per capirci: lungi da me pensare che palermo è la più bella città d’europa, ma che il suo stile architettonico, insieme alla sua cultura la fanno essere una tra le città più interessanti questo sì. quello che ti chiedo è perché le altre città dovrebbero presentarsi per essere capitali europee della cultura e palermo no? in qualche modo bisogna provare ad invertire la rotta.

    23. Ma che dici? Chi ha detto che non mi piace? Contesto la tua esagerazione. E il gotico? Il rinascimentale, il barocco, il romanico…
      Gli arabi e i normanni lasciarono segni del loro passaggio in altri paesi… FATTI UN GIRO
      Parlavi dei mosaici? Dell’arte bizantina?
      http://it.wikipedia.org/wiki/Arte_bizantina

    24. Palermo è una capitale. Però senza aggettivi. Per sensazioni e immagini, diceva Sciascia, si riesce ad estrarre dal bellissimo caos che è Palermo una città essenzialmente liberty, quasi una piccola capitale dell’art nouveau. E’ passato un po’ di tempo, la città si è mossa troppo e troppo in fretta. Rimane però, secondo me, il fascino che si può ricomporre attraverso i brandelli di un grande patrimonio architettonico e artistico che la guerra ma ancor di più gli uomini della pace hanno devastato nel giro di qualche decennio. Anche a me è capitato di girare un po’ per il mondo. E sempre, in ogni città del mondo, m’è sembrato di ritrovare qualcosa di Palermo.

    25. …..perché le altre città dovrebbero presentarsi per essere capitali europee della cultura e palermo no?….
      Perche’ cultura e’ sopratutto qualita’.
      Qualita’ di come vivi e come muori.

    26. questo a seguire è l’elenco delle capitali europee dal ’95 sino a ad ora. italiane vi sono state negli anni ottanta firenze, eppoi come vedrete bologna e genova. palermo ha pieno diritto almeno di provare a partecipare! forse voi non vi rendete conto che essere capitale europea significa anche far arrivare dei soldi nella nostra città, e quindi lavoro, e quindi anche pulizia, perché il “problema munnizza” secondo me, è soprattutto un problema di degrado economico culturale.

      1995: Lussemburgo (Lussemburgo)
      1996: Copenaghen (Danimarca)
      1997: Salonicco (Grecia)
      1998: Stoccolma (Svezia)
      1999: Weimar (Germania)
      2000: Reykjavík (Islanda), Bergen (Norvegia), Helsinki (Finlandia), Bruxelles (Belgio), Praga (Repubblica Ceca), Cracovia (Polonia), Santiago di Compostela (Spagna), Avignone (Francia), Bologna (Italia)
      2001: Rotterdam (Paesi Bassi), Oporto (Portogallo)
      2002: Bruges (Belgio), Salamanca (Spagna)
      2003: Graz[1] (Austria)
      2004: Genova[2] (Italia), Lilla[3] (Francia)
      2005: Cork[4] (Irlanda)
      2006: Patrasso[5] (Grecia)
      2007: Lussemburgo[6] (Lussemburgo), Sibiu[7] (Romania)
      2008: Liverpool[8] (Regno Unito), Stavanger[9] (Norvegia)
      2009: Linz[10] (Austria), Vilnius[11] (Lituania)
      2010: Essen[12] (Germania), Pécs[13] (Ungheria), Istanbul[14] (Turchia)
      2011: Turku[15] (Finlandia) – Tallinn[16] (Estonia)
      2012: Guimarães (Portogallo) – Marburgo (Slovenia)
      2013: Marsiglia (Francia) – Košice (Slovacchia)
      2014: Umeå (Svezia) – Riga (Lettonia)
      2015: Mons (Belgio) – Plzeň (Repubblica Ceca)
      2016: San Sebastián[17] (Spagna) – Breslavia (Polonia)

    27. sapete che se un individuo viene percepito dalla società come inutile, sporco, culturalmente non evoluto, geneticamente inadatto alla vita sociale poi ci crede veramente e lo diventa?

    28. se non lo sapevate voi ne siete la chiara esemplificazione.

    29. @elena. Voi chi ? Per quanto mi riguarda, inutile può anche andar bene, culturalmente non evoluto può essere, geneticamente inadatto alla vita sociale, di sicuro e me ne vanto. Sporco però no. Mi piacerebbe confrontare il tuo bagno schiuma, che immagino da mercatino, con i miei. Essenze naturali, profumi discreti, fragranze impercettibili, ma che si sprigionano a pieno negli abbracci delle intimità più profonde.

    30. la sudditanza psicologica e culturale reiterata associata a concezioni razzistiche crea mostri.

    31. Forse Palermo ha lo 0,1% di possibilità di diventare capitale della cultura europea nel 2019,ma di sicuro i palermitani non meritano niente.Tra mafia,ignoranza diffusa,munnizza e ostentazione del niente, ‘sta città ri scafazzati MERITA DI FALLIRE!!!

    32. http://ec.europa.eu/culture/pdf/doc633_it.pdf

      se dopo aver letto le linee guida per candidarsi a capitale europea della cultura, riteniamo che Palermo possa avere tutte le carte in regola per partecipare, va bene andiamo allora

    33. Che bello, nel 2019 Capitale della Cultura Europea e nel 2020 le Olimpiadi. Nel frattempo il Ponte sullo Stretto, l’aeroporto ad Agrigento, quello di Comiso e quello dei cinesi ad Enna… ci aspetta un decennio di inc… isive opere che ri-lanceranno la nostra terra.

    34. a parte il pessimismo cronico di certuni, e la loro altrettanto falsa convinzione, che per sembrare fighi e intelligenti basta parlare male della propria terra(tendenza che mi dispiace per loro, ma comincia fortunatamente a risultare arcaica e obsoleta), invito tutti a guardare l’elenco che ho postato nel quale figurano città come Turku, Tallin, Genova, ecc.. che, lungi da me voler fare classifiche, ma non mi sembrano così inarrivabili. perché il concetto è proprio questo: attraverso questa assegnazione arrivano dei soldi coi quali si può migliorare la città “prescelta”. do you understand now? io sono convinto che valga la pena provarci, tutto qua.

    35. Caro peppe per “essere” e non “sembrare” intelligente non basta parlare bene o male della propria città. E’ sufficiente essere realistici e sapere guardare la realtà senza sentimentalismi. Una città non si giudica dall’interno dei suoi palazzi ma nel suo insieme, in tutto il suo contesto. Non è necessario avere girato il mondo per capire che Brancaccio, Falsomiele, piazza ingastone, colonna rotta, messina marina, ecc. ecc. ecc…..non possono rappresentare una capitale europea della cultura.

    36. infatti, caro zelig, parigi, londra, roma, genova, barcellona e tallin, non hanno anche essi i loro bei quartieri ghetto di periferia? senza offesa, io penso che dobbiamo finirla con questo provincialismo da italietta.

    37. Manuelo ti invito a rimanere in tema.
      Alessandro ti invito a essere rispettoso nei tuoi commenti.
      Grazie.

    38. E dov’era il mio essere poco rispettoso?Nel fatto di dire la verità?Mah!

    39. Alessandro hai due possibilità: attenerti alla policy dei commenti e seguire con attenzione le indicazioni della moderazione o non commentare. Saluti.

    Lascia un commento (policy dei commenti)