giovedì 8 dic
  • Un citizen journalist documenta il degrado di Mondello

    Un lettore palermitano che vive all’estero e che ha preferito rimanere anonimo ci ha segnalato questi due video girati a Mondello il 15 maggio 2014 che evidenziano le condizioni di degrado della spiaggia e delle aree comuni in netto contrasto con la bellezza sublime del paesaggio e del luogo.

    Palermo
  • 22 commenti a “Un citizen journalist documenta il degrado di Mondello”

    1. Ma il sig. Gigi e’ divenuto un citizen journalist adesso? Si comincia cosi’ e si finisce a dirigere “La Stampa”.
      Video abbastanza angoscianti, visivamente e musicalmente, ma forse era proprio questa l’intenzione.

    2. Agenti in borghese con licenza di sanzionare.No pene pecuniarie,ma chi viene colto ad abbandonare un vuoto a perdere,costretto a ripulire 100 mq di litorale,10ml x 10.
      Dandone ampia diffusione sui blog,citando le generalità del reo cafone,additandolo al
      pubblico disprezzo.

    3. Ricordo l’ultima volta in cui sono andato a Mondello, avevamo accanto la tipica famigghia palermicana con sei figli. Ovviamente hanno lasciato una montagna di munnizza con un pannolino usato in mezzo. Mi sono alzato per lamentarmi e a momenti capitava un omicidio. La cosa peggiore e’ stato sentirmi rimproverare dopo dagli altri palermicani per avere osato lamentarmi, evidentemente loro sono talmente abituati a vivere in mezzo alla munnizza che ormai non ci fanno caso! La stessa cosa a S.Vito, una spiaggia bellissima finche’ non iniziano ad arrivare i palermicani munnnizzari!

    4. il palermitano è quanto di peggio possa esistere… così siamo e così resteremo e la cosa bella è che ci sentiamo pure i più scaltri di tutti… la romagna fa schifo, la liguria fa schifo, la toscana fa schifo… avessimo un briciolo della loro intraprendenza saremmo a cavallo. E invece? tutto sporco, tutto abbandonato, tutto una mer.. e tutti a lementarsi!!! non c’è lavoro? inventatevi una coperativa che ripulisce la spiaggia, sponsorizzata dai commercianti… quello che non fa il sindaco facciamolo noi anziché lamentarci (specialmente di una cosa che non riguarda il sindaco ma la rinomata vastasaggine panormita).così facendo non si va da nessuna parte.

    5. Non c’è che la rassegnazione o la fuga, il palermitano è irredimibile!

    6. ho linkato questo post di Rosalio nella pagina Facebook “il sindaco lo sa fare”, chi per lui ha cancellato il mio post e il link.
      Chiedevo e chiedo al sindaco di spiegarci per quali motivi i turisti dovrebbero venire a buttare soldi in una città col litorale in questo stato vomitevole. Spero che non dica il solito ritornello “ho trovato il dissesto finanziario”, perché le decine di migliaia di impiegati, comunali e regionali, precari e altre sigle fantasiose, sono pagati ugualmente (dai cittadini) dissesto finanziario o meno, per “non fare”…

      L’inciviltà di coloro che degradano? Certo.

      Ma l’ambiente circostante il litorale di Mondello è equiparabile ai territori in guerra dopo il bombardamento:
      passeggiata=trazzera polverosa con pietre e numerose buche, aiuole spelacchiate delimitate alla meno peggio vegetazione inesistente, decoro brutto, anti-estetica causata dall’uomo in un luogo che dovrebbe essere bello, dove luce e colori sono eccezionali, assenza di infrastrutture e servizi… e tutto questo non è compito
      dei vandali (rozzi, incivili, ineducati perché non li hanno educati, pertanto fighetti che parlano il tischi toschi e sono tutti griffati) che degradano, anzi, pensando alla “teoria delle finestre rotte”, sappiamo i danni che causa nelle menti e nei comportamenti un ambiente tenuto nel degrado.

    7. http://www.gds.it/gds/multimedia/cronaca/gdsid/349955/
      Cambiare cartello.
      Da P
      a Discarica

    8. I video sono raccapriccianti ma non costituiscono una sorpresa per chi vive e conosce questa città convivendo suo malgrado con l’inciviltà di buona parte dei suoi abitanti. Leggo commenti che fanno ovviamente di tutta l’erba un fascio, ovviamente non è così perchè l’incivile e l’ignorante esiste in tutte le città, soprattutto in quelle, e mi dispiace doverlo ammettere, del sud Italia. I palermitani per bene sono tanti e sono i primi a mal sopportare questi indigeni che mandano all’esterno di Palermo e della Sicilia un messaggio distorto e mortificante. Se a questa gentaglia, come sempre impunita e libera di fare come crede per colpa delle istituzioni perennemente assenti, aggiungiamo le migliaia di clandestini che stanno invadendo la Sicilia con la complicità di governanti e politici irresponsabili, molti dei quali appena arrivati scappano bivaccando pronti a tutto per le nostre strade, se a questo aggiungiamo la criminalità ormai non sanzionata nè repressa da una giustizia e da leggi ridicole, se a questo aggiungiamo che i politici nostrani hanno come unico obiettivo quello di arricchirsi loro strafottendosene dei bisogni oggettivi dei cittadini, il quadro è completo. Viviamo nel degrado ma non solo a Mondello…è tutto un degrado.

    9. Non mi sorprende ma non smetto di amareggiarmi.
      Bisogna girare e fare multe salate.Cosi non si va da nessuna parte.

    10. la richiesta di restare anonimo è inutile tanto quanto questi video denuncia che sanno di “vorrei ma non posso” fare il giornalista impegnato.

    11. Colorina per contribuire a questo blog non è richiesto né auspicabile essere necessariamente “giornalisti impegnati”.

    12. Il degrado che si ha nella costa di Palermo non si vede in nessun’altra parte della Sicilia; solo alcune zone dell’agrigentino e del gelese eguagliano la munnizza palermitana. È un dato di fatto non contestabile da nessuno stupido difensore ad oltranza della città, e ogni anno è sempre peggio.
      Sono stato stasera a Mondello e i contenitori dell’immondizia strabordavano ovunque, erbacce e degrado diffuso. Non ci tornerò per tutta l’estate e non ci porterò nessun amico che mi dovesse venire a trovare da fuori della Sicilia.

    13. Probabilmente andro’ controcorrente, ma non penso che la colpa maggiore del degrado sia dei Palermitani. Mi spiego.
      Se vado ad una festa, e trovo lattine e bicchieri vuoti sparsi per la casa, molto probabilmente quando mi trovero’ anch’io con dei rifiuti in mano da gettar via non mi faro’ problemi e li lascero’ in giro, perche’ magari pensero’ che una lattina in piu’ o in meno non fa molta differenza.
      Allo stesso modo, se entrando trovo invece una casa ordinata, con in evidenza i cestini per i rifiuti e magari con il padrone di casa che si prodiga per tener pulito, ecco che mi verra’ spontaneo non sporcare in giro, quando dovro’ sbarazzarmi dei miei rifiuti.
      Ora, passando al caso in questione, supponiamo che su quella spiaggia ogni giorno trascorrano del tenpo 100 Palermitani, e solo 10 di loro (una percentuale piu’ che ragionevole e fisiologica) lasciano un rifiuto. Alla fine della giornata ci saranno 10 lattine, poniamo caso.
      E se durante la notte o le prime ore del giorno nessuno pulisce, quelle 10 lattine restano li’.
      Il giorno dopo arrivano cosi’ altri 100 Palermitani che lasciano altre 10 lattine..in tal modo, alla fine della giornata, ce ne saranno 20, che se non raccolte dagli operatori ecologici diverranno poi 30, etc. e in 7/10 gg quella stessa spiaggia sara’ tappezzata di rifiuti, dando l’immagine del degrado di cui sopra e l’idea che i Palermitani siano il popolo piu’ sporco dell’universo e dintorni, quando evidentemente cosi’ non e’.
      Perche’ basta anche solo un 10% della popolazione ad essere incivile per creare tali risultati, se non si mette in atto una seria politica di pulizia e igiene ambientale.
      E purtroppo da troppi anni gli amministratori della citta’ non hanno saputo o voluto fare il loro dovere.
      Quindi, concludendo, i Palermitani non sono i piu’ sporchi al mondo, ma piuttosto godono di uno dei servizi di pulizia peggiori al mondo.

    14. David, purtroppo devo contraddirti, anche perché, involontariamente, forniresti un assist a degli pseudo-politici incapaci (sindaco e assessori).
      INNANZITUTTO, dico su cosa sono d’accordo con te, cioè il degrado che incita a “produrre” ulteriore degrado… infatti ogni volta che si parla di munnizza degrado e affini palermitani io cito la “teoria delle finestre rotte”, ma ogni volta mi accorgo che nessuno ha voglia di andare a leggere di cosa si tratta (su internet si trovano informazioni sintetizzate). Infatti io non parlo mai SOLO della spiaggia ma di tutto l’ambiente circostante che sembra un territorio in guerra dopo i bombardamenti. E puzza.
      INVECE, ti contraddico sulla quotidianità delle orde di barbari che deturpano il litorale di Mondello.
      Quella che si vede in questo post è munnizza fresca di giornata, ed è persino un giorno di media quantità, spesso è peggio, soprattutto nei fine settimana. Quelli che deturpano non sono persone che vengono dai quartieri di disperati e ignorantoni, sono per almeno l’80% fighetti che parlano tischi toschi sce;mi ma griffati, i quali poi si sdraiano in mezzo all’immondizia con nonchalance, è un fatto naturale. Se si contano gli oggetti (come nelle manifestazioni si contano i manifestanti, a occhio) si capisce che su tutto il litorale sono almeno 2000 i ngrasciàti.
      AFFERMO questo perché… tu forse vieni raramente in quella zona, io ne conosco ogni metro quadrato, purtroppo per una sorta di virus, e per impegni affettivi e personali, ci trascorro tre mesi l’anno. La mattina puliscono. Ma la pulizia non elimina l’ambiente circostante da quarto mondo… come descrivo per quel che riguarda puzza, passeggiata=trazzera polverosa con pietre e numerose buche, spazi verdi ridicoli spelacchiati delimitati in modo tascio anti-estetico, disservizi, infrastrutture assenti, marciapiedi dissestati, insomma ambiente che incita a inciviltà, desolazione, depressione pure, e a produrre ulteriore degrado.
      MA PULISCONO la spiaggia (forse i privati), ogni mattina.
      Per quel che riguarda le zone limitrofe, invece, ovvero da cento metri in poi dal litorale, quelle dove ci sono ville dei tochi e ville liberty, degrado schifo puzza munnizza ovunque, servizio comunale che non funziona in quelle zone, come succede in tutta la città.

    15. Certo, sig. Gigi, se lei frequenta la zone piu’ di me (non vengo a Palermo dal marzo dell’anno scorso) sa meglio di me come vanno le cose.
      Ho parlato cosi’ perche’ molte volte ho visto lungo le strade, soprattutto di Mondello, Sferracavallo o di altre borgate in teoria turistiche, lattine e bottiglie sbiadite dal sole, sintomo del fatto che son state lasciate li’ per settimane se non per mesi, sino a divenir vintage, purtroppo.
      Ma se lei mi dice che la spiaggia e’ pulita ogni giorno, allora la soluzione potrebbe esser un maggior numero di cestini capienti in giro, uniti alla presenza di ausiliari della spiaggia, sulla falsariga degli ausiliari del traffico, aventi il compito di monitorare ed eventualmente sanzionare i piu’ indisciplinati.

    16. MI SCUSO, scrivo da una postazione mobile, ed è saltata una parte di frase:
      David, purtroppo devo contraddirti, anche perché, involontariamente, forniresti un assist a degli NGRASCIATI, anche se sottolineo pure le colpe dell’amministrazione composta da pseudo-politici incapaci (sindaco e assessori).
      AGGIUNGO:
      (ngrasciàti, almeno il 70% dei frequentatori di Mondello, gli altri sono brave persone che pero’ non sanno come fare per agire, andare oltre il lamento, i paesi dove assicutanu i governanti inadeguati sono altri)
      … le colpe dell’amministrazione composta da pseudo-politici incapaci (sindaco e assessori)… incapaci di creare infrastrutture e servizi da città evoluta, imporre e fare rispettare le regole, assicurare il decoro… sanno solo parlare di pedonalizzazioni (per giustificare la loro esistenza), ma pedonalizzano senza programmare infrastrutture servizi e decoro, pedonalizzano nmiezzu ‘a munnizza.
      P.S. dopo tanto parlare di munnizza e degrado… nelle mie passeggiate a Valdesi ogni tanto vedo stranezze palermitane, in particolare una pianta, che se è l’idea di un uomo (ma non penso affatto) è una buona idea, se invece è un’idea della natura è geniale; se Rosalio lo ritiene opportuno gli mando la foto e la può pubblicare… a nome della natura geniale.

    17. Signor David, è vero, che ci sono oggetti di munnizza arretrata sparsi nelle zone limitrofe ( arte concettuale! chissà cosa esprime ), ma (solo) la spiaggia la puliscono ogni mattina.

    18. cioè quindi visto che la spiaggia è sporca viene naturale continuare a sporcare…. ma che cosa dici david?????
      se vai ad una festa ed è tutto sporco allora sporchi anche tu? bravo, bene, complimenti..
      questa è la prova che è sempre colpa degli altri…io a mondello ci ho lavorato, la mattina passano i netturbini della società italo belga (non del comune perché lì è tutto privato…) e puliscono, il problema è che dopo due ore fa tutto schifo!!!!! con chi ce la vogliamo prendere? a chi vogliamo dare la colpa? diamola alla spiaggia!!!! effettivamente potrebbe pulirsi da sola, darsi una mossa, ma insomma siamo nel 2015 la spiaggia potrebbe diventare autopulente, si vede che quella di mondello la spiaggia non la sa fare…

    19. Beh, sig. Sfincione (complimenti per il nick, spero solo non sia troppo oleoso), studiosi molto in gamba hanno scritto interi volumi su come l’ambiente intorno a noi influenza il nostro comportamento sociale.
      Se poi ci sono dei duri e puri come lei, capaci di invertire la corrente, me ne rallegro.
      A presto, e stia attento con l’olio, mi raccomando.

    20. Signor David, per esempio la “teoria delle finestre rotte”?
      Per chi ha voglia di documentarsi, ma non ha cercato…
      http://www.docsity.com/notizie/psicologia/la-teoria-delle-%E2%80%9Cfinestre-rotte/
      http://www.unitresorrentina.org/foto/24-forum/85-la-teoria-delle-finestre-rotte

    21. Vero è Palermo è sporca per innumerevoli motivi. Ma se invece di “discutere” quasi con animosità (e non dico dialogare, voglio proprio dire che le opinioni di ciascuno diventano quasi uno sfogo contro l’altro che ha espresso un’opinione diversa(ma pacificamente opinabile)prendessimo ramazze palette e sacchi e pulissimo? Daremmo un esempio ai politici e anche a quelli che sporcano.E se è vero, com’è vero, ma solo per chi ha la mente sporca, che la sporcizia incita ad altra sporcizia, la pulizia (di volontari,comune permettendo) dovrebbe fungere da medesimo “deterrente” per tutti quelli che ‘ngrasciati non sono o no?
      Esistono volontariati per ogni cosa tutti i giorni dell’anno, esiste pure un volontariato per chi vuole pulire la città di Palermo? O ripulire la città dove si vive deve essere un evento da una volta l’anno?
      Chi sa e mi vuole mettere a conoscenza …. son pronta.
      Cordialissimi saluti a tutti.
      rita

    22. Scusate, mi correggo: ‘ngrasciati “totalmente” non sono.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Un citizen journalist documenta il degrado di Mondello, 5.0 out of 5 based on 1 rating