venerdì 9 dic
  • Allo specchio

    ‘U specchiu avi ru facci, ma a ttia ti nni fa viriri sulu una

    Ho ricevuto un regalo di carta e di penna. Questo dono non prende polvere sugli scaffali e non rischia di essere cestinato o peggio riciclato ad una tombola a Natale. Non è costato nulla, eppure molto, ma nonostante questo non è avaro. Non si deteriora con il passare del tempo, non entra dentro ad un cassetto e non ingombra. Posso portarlo in tasca, negli occhi, nei gesti, nella mente e nei discorsi. Non pesa assai anche se sazia più di un cibo grasso.

    Ha l’insostenibile grammatura leggera di un foglio di carta e mi ricorda che nel mondo dell’avere, io ho ricevuto uno dei regali più intoccabili della mia vita: una poesia. Chi la scrive è zizi Emme, così vuole essere chiamata, lontana poco più di mille chilometri dal centro nevralgico del mio peso specifico. È la coscienza buona, quella che scrive per sé – dunque per me – un encomio a noi stessi.

    Il protagonista è uno specchio, quello che giornalmente guardiamo con superficialità e che tutto sa di noi. Quello che ci ha visti crescere e cambiare, contro cui puntiamo il dito e a cui non possiamo mentire. Ridi, sorridi. Piangi. Perché tutti ogni giorno, una volta, una vita, ci siamo guardati n’”U specchiu” di zizi Emme e abbiamo visto una sagoma sbiadita in penombra alquanto familiare.

    «’U specchiu avi ru facci, ma a ttia ti nni fa viriri sulu una ca nunn’è ‘a stissa spiccicata.
    C’è chidda ca tu talii ‘a matina quannu ti susi e ‘a sira quannu ti va ‘ccurchi e tu ci spii: specchiu specchiu ri me brame, cu è ‘a cchiù bedda ru riame? E idda t’arrispunni: ma chi fissa ca sì, sugnu ‘u tò specchiu e ‘u cchiù beddu si tu.
    Poi c’è chidda ca spia a tia: comu sì tu, comu ti stai talianno ‘nta ll’occhi? Fitusu, fangu, malu cristianu, omu ri panza, beddu, curnutazzu, fa’ beni e scordatillo o fa’ mali e pènsaci, virrina, murritiusu o saziu, mastru, travagghi o babbìì, ammucci zoccu fai, spertu o fissa, hai spirienza o t’a ddari ajutu, ti ‘ncagni senza raggiuni, vigilianti o strammiatu, hai tortu o raggiuni, vai avanti o ‘nnareri comu ‘i curdari, picciutteddu o vicchiarieddu?
    Ogni matinata o siratina ‘a musica ri sta’ faccia rintra ‘u tò specchiu cancia, picchì idda ‘u sapi bbeni comu ti connucisti nnà jurnata.
    Sta faccia ‘nta lu specchiu, ti talìa rintra ‘nfunnu e ti fa pinzari…aspetta muta muta ca tu arrispunni senza fari minzigghierie o cuntari minchiate picchì idda ‘u sapi ca ci rici sulu ‘a virità».

    (foto di Dennis Brekke)

    Palermo
  • Un commento a “‘U specchiu avi ru facci, ma a ttia ti nni fa viriri sulu una”

    1. Complimenti!!!
      Brava, brava, brava!!!

      Seguo con piacere gli articoli della giovane promessa Federica Virga e ringrazio Rosalio che mi da la possibilità di leggere contenuti validi e culturalmente stimolanti.

      Bravi e brava!

    Lascia un commento (policy dei commenti)

'U specchiu avi ru facci, ma a ttia ti nni fa viriri sulu una, 5.0 out of 5 based on 1 rating