28°C
domenica 25 ago

Archivio di Febbraio 2006

  • Ti dirò…

    Oggi alle 18:00 presso Palazzo Branciforti (via Bara all’Olivella, 2) si inaugura la mostra d’arte contemporanea Ti dirò…segni e messaggi per il futuro. La mostra è composta da trittici prodotti da trentaquattro artisti palermitani e non.

    La mostra rimarrà aperta fino al 3 marzo, dal lunedì al venerdì, dalle 10:00 alle 17:00.

    Palermo
  • Il Teatro Massimo vende

    Fino al 15 marzo al Teatro Massimo saranno in vendita scenografie, arredi e abiti di famosi allestimenti. Si va dagli abiti della Madama Butterfly del 1964, firmati da Iwasaki, all’Arianna a Nasso del 1973 di Scaligeri. Ma ci saranno anche costumi di allestimenti più recenti. In vendita anche sete, broccati, perle, strass, troni, spade, candelieri, una piramide di libri. Ogni pezzo sarà contrassegnato da un certificato di garanzia che ne attesta la provenienza.

    La vendita avverrà tutti i giorni tranne il lunedì.

    Palermo
  • Inizia Vuccirìa

    “Vuccirìa”

    Oggi alle 20:30 presso la chiesa di Sant’Eulalia dei Catalani (via degli argentieri alla Vuccirìa, 33) inizia Vuccirìa – Sonorità Popolari Contemporanee, un festival promosso dal Comune di Palermo e organizzato da “Sintesi Cultura” che si confronta con le radici storiche della cultura musicale siciliana alla riscoperta di quei percorsi che, radicati nella tradizione, sappiano al contempo porsi come un concreto ponte verso i temi della contemporaneità.

    Oggi saliranno sul palco Laboratorio Aglaia, Cecilia Pitino, Francesco Giunta, Mario Incudine, Laura Mollica e Giuseppe Greco, Alfio Antico e Nuklearte. Nel corso del festival sarà presentato il cd dal titolo Tribù italiche Sicilia realizzato, in occasione della manifestazione, da World Music Magazine. Durante la “tre giorni”, sempre a Sant’Eulalia verranno esposte le foto di Alessandro Di Giugno: una serie di ritratti nati allaVucciria.

    L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti per tutte e tre le serate in programma.

    Palermo
  • La Maratona dell’Energia a Palermo

    Oggi dalle 11:00 e domani a piazza Politeama sarà possibile visitare il gazebo Enel per la tappa palermitana della Maratona dell’Energia.

    Saranno distribuiti dei “gratta e vinci”: rispondendo esattamente a quattro domande sugli accorgimenti da seguire per risparmiare energia in casa si otterranno in premio dei gadget, tra cui le lampadine ad alta efficienza energetica che durano 8 volte di più e consumano l’80% in meno delle tradizionali lampadine ad incandescenza. Sarà possibile ritirare anche la guida all’uso intelligente dell’energia elettrica, che indica come utilizzare in modo più razionale gli elettrodomestici per risparmiare energia.

    Consuma intelligente.

    Palermo
  • Nuovi autori chi?

    Rosalio è online da due mesi e forse è giunta l’ora di allargare la rosa degli autori (vi dico fin da subito che procederemo sicuramente almeno a una sostituzione…). Mi piacerebbe che giungessero dei suggerimenti sui “nuovi” ma bisogna stare al gioco…

    Gli autori attuali vennero scelti individuando prima i profili (la pr, la gallerista, la scrittrice ecc.) e successivamente i nomi e vorrei procedere così anche adesso. Fermo restando che ci vedrei bene di sicuro un/una musicista, che suggerite?

    Rosalio
  • Viaggio in Sicilia per treni e stazioni

    Verrà presentato alle ore 18:00 alla Biblioteca Comunale (piazza Casa Professa, 1) il libro di Angelo Pitrone Linea di terra. Viaggio in Sicilia per treni e stazioni.

    Attraverso le stazioni e i binari, luoghi di viaggio per eccellenza, si snoda un viaggio suggestivo alla scoperta di una Sicilia insolita e poco battuta. Testi di Franco La Cecla, Roberta Valtorta e un’intervista ad Andrea Camilleri di Gaetano Savatteri.

    Linea di terra. Viaggio in Sicilia per treni e stazioni

    Palermo, Sicilia
  • Mauro Pagani Trio e i Franklin Delano

    Stasera inaugura Areacustica e continua Indiexplosion.

    Mauro Pagani Trio apre Areacustica al CCP Agricantus (biglietto posto unico numerato 13 euro intero, 10 euro ridotto). Mauro Pagani voce, violino e bouzouki, Giorgio Cordini alla chitarra e mandolino e Joe Damiani alle percussioni.

    Prosegue Indiexplosion a I Candelai con i Franklin Delano (folk rock, 5 euro, ridotto 4 euro).

    Palermo
  • Come ti declino il verbo cucire

    Ogni volta che affronto una tematica squisitamente palermitana mi rendo conto di non essere assolutamente forbita in questo campo. Me la guardo da estranea, la città, ad esempio mi colpisce molto l’appellativo cucì. Cucì, qui, non è il passato remoto del verbo cucire, ma l’abbreviazione di cugino. Non vanta una variante al femminile. “Cucì – si dice al passante -, cucì ma ddiri ca ora è? Cucì, ma fari passarmi, cucì?”. Ogni tanto lo senti dire per esteso, “cugino”, ma quasi sempre non esiste nessun vincolo di sangue tra te e il cucì, nessun rapporto di agnizione (si dice così?) è un appellativo che con un cugino vero ti guarderesti bene da usare. Il cucì echeggia tanto quanto il cumpà (che ha la variante femminile, commare) che è l’abbreviazione di cumpare, ma si tratta di due definizioni lontanissime tra loro. Il vocabolario Zingarelli recita che si definisce compare chi battezza il tuo figliolo o ti compra l’anello per la cerimonia nuziale (il cosiddetto compare d’anello), fra i sinonimi che snocciola il thesaurus del computer si trovano connivente e favoreggiatore anche se non manca la semplice parola “amico”. Sono compari il gatto e la volpe, e il comparato viene rispolverato, spesso, nei rapporti delinquenziali, ma non è di questo che voglio parlare, quanto, piuttosto del rapporto amicale. Per individuare quando il cucì si affianca o sostituisce il compà, basta essere un tantino curiosi, domandare in giro, informarsi. Il compà è il tuo amico fraterno, te lo ritrovi sempre, è quello che presenti pieno di orgoglio e dici “questo è mio compare”, allora, mi spiegano, ti verrebbe in mente di apostrofare col compà uno sconosciuto qualsiasi e domandargli: “compà, mi fai addumare?”, quello si potrebbe offendere, “cumpà a cui?”. Come affibbiare tanta fiducia al primo che passa?. Il cucì però glielo puoi anche dare, per questo il “cucì” può essere il prologo di una sciarra “cuci, chi fa? Ti levi ri ‘n menzu i peri?”. Il cucì, tanto per fare sociologia, è un modo per ripetersi “io appartengo a questa gente”. Forse la differenza col compare sta qui: “tu sei mio complice – sembra riassumere -, anche se non sei necessariamente, come me”, e forse per questo di apprezzo di più. O non lo so, boh, voi che dite?

    Palermo
  • Il comma 22 degli asili comunali

    Ieri ho presentato la domanda per iscrivere mia figlia Leyla nell’asilo comunale più vicino a casa mia. Leyla ha solo un mese, ma mi hanno consigliato di farlo subito, perchè per i lattanti ci sono proporzionalmente più posti rispetto alle richieste. Ho saputo dopo che i posti sono solo otto. Riuscire a essere ammessi a un asilo comunale è come vincere un terno al lotto, eppure c’è comunque una retta da pagare e la qualità dei servizi varia da un posto all’altro, passando da uno standard europeo a posti dove scappi a gambe levate nel momento in cui varchi la porta d’entrata (non ho fatto un’indagine scientifica, raccolgo storie da neo-mamme e papà).

    L’ammissione è regolata da un sistema che mi ricorda il paradosso del comma 22. Vengono privilegiati nella graduatoria coloro che hanno un reddito basso. Per esempio, come nel mio caso, le famiglie monoreddito dove gli introiti sono precari e poco sostanziosi. E vengono privilegiate le famiglie in cui entrambi i genitori lavorano, perchè viene loro difficile badare ai bambini. Naturalmente, tali famiglie hanno di solito introiti più sostanziosi. I due criteri quindi si escludono a vicenda. Se uno dei due genitori non ha lavoro dovrà stare col bambino (ma allora come farà a cercarlo il lavoro?), se entrambi lavorano potranno pagarsi un asilo privato. Continua »

    Palermo
  • “In un altro paese” a “La Storia siamo noi”

    Due appuntamenti di oggi riguardano la storia di Palermo attraverso due sue figure-chiave e i passi avanti effettuati.

    Stasera alle 21:00 al Metropolitan (viale Strasburgo, 368) verrà proiettato In un altro paese, film documentario che ricostruisce la storia della mafia a partire dalla prima repubblica per poi giungere al maxiprocesso antimafia di Palermo, raccontando il lavoro dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e la loro morte. Il film è tratto dal libro di Alexander Stille Excellent Cadavers: The Mafia And The Death Of The First Italian Republic, riadattato da Vania Del Borgo e Marco Turco. L’ingresso è a inviti da ritirare presso la redazione di Repubblica Palermo.

    È dedicata a Palermo, all’identità della città e ai cambiamenti degli ultimi anni la puntata di oggi de La Storia siamo noi di Gianni Minoli su Rai Tre in onda alle 8:15 e alle 0:40.

    Palermo
  • “Danza al plasma” al Lulu bar

    Stasera alle ore 22:00, presso il Lulu bar (via San Basilio, 37), si inaugurerà la mostra fotografica Danza al plasma di Giancarlo Marcocchi. Si tratta di una ventina di scatti effettuati nell’ambito di uno stage di danza contemporanea.

    La mostra resterà visitabile fino al 28 febbraio, ore serali.

    Danza al plasma

    Palermo
  • Bivona torna e rispetta i somàli

    Il primo video di Giovanni Bivona circolava già da un po’ per e-mail. Dopo la pubblicazione su Rosalio è stato ripreso da diversi blog (ecco alcuni esempi), da la Repubblica.it, da Play Radio e da Radio Deejay.

    Ecco il nuovo video di Bivona (parte 1, 2, 3, 4), 32:02 minuti di comizio da morire dal ridere. Il formato è .rm e serve una connessione a banda larga (sono 51,6 Mb). Se non avete un lettore potete scaricare da qui il RealPlayer.

    A quelli che (prevedo) si lamenteranno dico subito che nessuno di noi di Rosalio in questo periodo riesce a trovare il tempo per convertirlo in un formato più diffuso e per spezzettarlo, anche se c’abbiamo provato. Ce ne scusiamo; non siamo esperti di montaggio video e non c’è niente di male a dirlo. Se però vi offrite volontari gradiamo il contributo. Ha risolto il problema serverstudio.

    ;)

    Un particolare ringraziamento va a Giovanni Micciché di Teleacras (Agrigento) che ci ha inviato il comizio.

    AGGIORNAMENTO: il vecchio file è stato rimosso e sostituito dai quattro spezzoni.

    Sicilia
  • Parcheggio vietato in viale Regione

    Nel tratto di viale Regione Siciliana tra via Perpignano e via Nazario Sauro da oggi è vietata la sosta in direzione Trapani. Il provvedimento si inserisce nell’ambito delle misure antinquinamento adottate in questi giorni. È stata inoltre disposta la chiusura del by-pass in viale Regione siciliana, sulla carreggiata lato mare, all’altezza della clinica Maria Eleonora, per rendere più agevole la circolazione all’incrocio tra viale Regione Siciliana e via Perpignano.

    Riaperta metà carreggiata della via Papireto (nel tratto compreso tra via Matteo Bonello e piazza Peranni) che era stata chiusa per consentire i lavori di potenziamento del by-pass sotterraneo che serviranno a migliorare la capacità della condotta che fa defluire le acque del fiume.

    Palermo
  • “Kosa nostra” di Praga

    Kosa nostra

    Vabbè, spesso le reazioni sono pure più patetiche degli insulti. Ma sinceramente questo fatto che ogni squadra europea che incontra i rosanero debba offendere la nostra “bella e amata Palemmo” comincia a darmi un po’ di fastidio. Gli ultimi, come avrete letto sui giornali, sono stati i cecoslovacchi (ops, non si chiamano più così ma cechi mi fa proprio ridere…) dello Slavia Praga che giovedì affronteranno i nostri eroi nei sedicesimi di finale di Coppa Uefa. Andate sul sito ufficiale della società (www.slavia.cz) e vi troverete davanti a una bella foto con un paio di tifosi in maglia biancorossa, occhialoni scuri manco fossero alle Maldive (minchia sole che ci dev’essere a Praga in questo periodo…) e una simpatica scritta alle loro spalle: “Kosa Nostra”. Continua »

    Ghiaccioli...online!
  • Allo ZetaLab per Isole nella Rete

    Oggi dalle 16:00, presso i locali dello ZetaLab (via A. Boito, 7), si svolgerà una iniziativa a sostegno del progetto Isole nella Rete che si occupa da anni della libertà di espressione su Internet e dei diritti digitali. Partecipa all’iniziativa anche il Palermo Linux User Group.

    Sono previsti dei seminari sul trusted computing, sui brevetti software e la proprietà intellettuale e sull’istallazione di Linux su pc obsoleti (tenuti da Verde Binario), la presentazione del video Tecnologie avanzate di Max Carnè e, in serata, un concerto (Gentestrana posse) e un dj set.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram