lunedì 22 ott
  • Carabinieri

    Sette in carcere accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso

    Sono state eseguite sette misure cautelari per associazione di tipo mafioso, estorsione aggravata ai danni di un imprenditore, frode fiscale e reati e contro la pubblica amministrazione.

    Il presunto boss è Pietro Formoso, i cui fratelli sono stati condannati all’ergastolo per avere avuto un ruolo nella strage di via Palestro a Milano nel 1993. Formoso fornisce di carne i supermercati palermitani ma aveva una grande disponibilità di denaro che si presume arrivi dal traffico di droga (per cui è detenuto), che reinvestiva anche nel settore dell’oro e dei preziosi attraverso un sistema di pizzini dal carcere.

    Tra gli indagati ci sarebbero anche un ispettore di Polizia e l’avvocato di Formoso.

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.