giovedì 18 ott
  • Bunker antiaereo

    Palermo, storia di vite nascoste

    A Palermo, ad ottobre, c’è un’esplosione di cultura chiamata Le vie dei tesori.

    Si dice che la curiosità sia l’argilla con cui si forma la conoscenza, e toccare con mano la storia talvolta si spera possa solo essere di buon auspicio per gli insegnamenti del futuro.

    Tra i meravigliosi monumenti che caratterizzano la mia città, incluse chiese e palazzi di rara bellezza, nei primi trenta minuti di tour tra tesori, ho voluto sapere cosa fosse un rifugio antiaereo.

    E ho immaginato la guerra.

    Quella guerra che, del resto, non è lontana neanche un secolo da noi.

    Quella guerra da studiare nei libri di scuola, a undici o a diciassette anni, dove dovevi prendere nove a fine anno perché faceva media, perché era la parte più importante del programma di storia. Perché è una parte importante della nostra storia.

    Ho immaginato gli anni quaranta a Palermo, ho immaginato i cittadini dentro quei rifugi sotterranei per sfuggire alle bombe che gli inglesi e agli americani hanno gettato a profusione sulle nostre terre, le strade, le auto, le navi e le famiglie.

    Dentro questi strani bunker le condizioni erano al limite della dignità umana, morivano cittadini e nascevano bambini come se fosse una realtà nel sottosuolo, all’insegna della protezione, della speranza e della sopravvivenza.

    Ho capito cosa significhi conoscere la seconda guerra mondiale per sommi capi, come spiega l’ultimo capitolo del libro di storia, e cosa rivela davvero la possibilità di toccare con mano quei corridoi.

    La conoscenza del passato e la storia devono insegnare a costruire il futuro.

    L’impegno è un patto con le future generazioni, a cui spetta conoscere e non perdere pezzi importantissimi della memoria storica della nostra città.

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.