10°C
giovedì 27 gen
  • Santa Lucia in pandemia

    Non ci rimane che scherzare. Buona Santa Lucia!

    Il comitato tecnico-scientifico, tenuto conto del grave rischio per il palermitano di restare senza adeguato apporto di arancine per il giorno 13 del mese di dicembre, ha disposto le seguenti regole:

    • è fatto obbligo di ingurgitare almeno due dosi di arancina al mattino, seguite da almeno una dose booster pomeridiana ma, si sa, i booster possono tendere all’infinito (per sicurezza);
    • per prevenzione il tutto va accompagnato da cuccìa, con o senza cioccolato, e per tamponare panelle dolci;
    • bisogna sempre prestare grande attenzione alla variante est-sicula contraddistinta da una spike inspiegabilmente mutata, una punta, nella parte superiore; fortunatamente non diventerà mai dominante;
    • onde evitare pericolosi affollamenti nei pronto soccorso, che dispongono di posti limitati, bisogna munirsi di Biochetasi, bicarbonato e digestivi di ogni ordine e grado.

    Per la somministrazione delle dosi si menzionano, a titolo esemplificativo, l’hub arancinale del bar Massaro nella parte sud della città e i laboratori KePalle del dottor Li Muli in centro città.

    I trasgressori della tradizione trovati a cibarsi di pane saranno curati domiciliarmente con cipollina catanese e carne di cavallo.

    Nel ribadire che continueremo a lottare per l’obbligo arancinale si ricorda che per futtìrisi le arancine bisognerà togliersi la mascherina, ma almeno la distanza mantenetela…non si sa mai qualcuno allonga ‘i manu!

    Palermo
  • Un commento a “Santa Lucia in pandemia”

    1. Troppo divertente!
      La variante est-sicula però si chiama “arancino”, quindi forse è di un altro ceppo

  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.

x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram