mercoledì 23 ago
  • Basterebbe solo copiare

    Talvolta basterebbe semplicemente copiare le migliori esperienze amministrative altrui in tema di mobilità urbana. Senza bisogno di ingaggiare consulenti ed esperti e senza neanche andare tanto lontano, sia geograficamente, Siracusa, che politicamente (i sindaci di Palermo e quello, uscente, di Siracusa appartengono allo stesso partito).

    Il centro storico di Siracusa, Ortigia, è divenuto ZTL: solo i residenti possono introdurvi e parcheggiare autoveicoli. Il parcheggio “Talete” accoglie le auto di tutti gli altri, turisti o meno. Si paga un euro dalle 5:00 alle 21:00 e un altro euro per la sosta dalle 21:00 alle 5:00. Un minibus elettrico va e viene, gratuitamente, per il centro di Ortigia ogni dieci minuti. Le piazze e le vie di Ortigia, liberate dalle auto, si riempiono di cittadini, a beneficio anche dei negozianti, ma non solo.

    Il livello di invivibilità del centro storico di Palermo è noto ed evidente a tutti, turisti compresi. Mentre le piazze e le strade sono piene di auto e sempre meno di cittadini, un ampio e nuovissimo parcheggio da 1.000 posti auto in viale Basile (Università), gestito dall’AMAT, giace completamente vuoto ed in preda alle erbacce mentre i custodi si girano i pollici. È costato 7 miliardi di lire, ma non genera un euro. Perché non liberare allora dalle auto piazza Marina o piazza Bologni e collegare continuativamente l’asse di corso Vittorio Emanuele con il parcheggio di via Basile, convenzionando magari allo scopo una cooperativa di PIP o LSU?

    E se poi si volesse addirittura “strafare”, visto che ci sentiamo i più cool d’Italia, si potrebbero coprire i mille posti auto del parcheggio di viale Basile con pannelli fotovoltaici (inclinati verso sud) a costo zero per il Comune, anzi guadagnandoci pure! Come? Dando in concessione, in cambio di una royalty, il diritto di superficie sul parcheggio stesso ad una E.S.CO. o anche ad un imprenditore privato che potrebbe tranquillamente finanziarsi con un leasing ventennale, vendendo l’energia prodotta con gli incentivi del c.d. conto energia.

    Troppo difficile per il nostro Consiglio di Amministrazione di Palazzo delle Aquile?

    Palermo
  • 25 commenti a “Basterebbe solo copiare”

    1. prova a scrivere questo tuo post nel blog di Cammarata…
      vedrai che se ne fotte come se n’è fottutto di tutti gli altri commenti che abbiamo lasciato.
      se ne fotte, e la cosa più grave è che non so, davvero, non so come far si che possa cambiare qualcosa.
      quando mi hanno proposto di firmare per le ZTL ero a favore, ma ora, vedendo come sono andate le cose, mi pento amaramente di averlo fatto.
      pagare per un pass che in teoria certifica che la tua auto non inquina e che però, anche se inquina, puoi girare di sera in centro.

      La domanda è: quindi, tutte quelle auto che circolano in zona olivella di sabato sera, allora non inquinano? Essendo sera possono girare tranquillamente?

      Ci vuole la cultura dei mezzi pubblici, ci vogliono mezzi pubblici puntuali.

      buona giornata a tutti

    2. ahiaiai quanto soffro a leggere queste righe…..
      Parcheggi di interscambio (già esistenti) ma non utilizzati, navette continue di collegamento tra i due parcheggi e il centro città, il parcheggio di via Basile dato a privati che vogliono realizzare impianti fotovoltaici e che lasciano le royalties (moneta sonante) al comune di palermo…….
      e
      nulla di tutto cio’ si fa….
      perchè ???
      si domandano le persone che pensano, che hanno capacità progettuali, che hanno capacità di pianificazione…
      perchè ???
      perchè se noi fossimo là faremmo tutto cio, e chi invece è là non fa nulla di tutto cio’ ???
      perchè ???
      fino a quando non si penserà – progetterà – pianificherà secondo criteri di efficienza e in termini di risultati positivi per la collettività ?
      quanto tempo dobbiamo ancora aspettare ?

    3. Mi è capitato di soggiornare per qualche giorno a Siracusa, l’anno scorso, proprio nell’imminenza dell’avvio della ZTL.
      Era ancora il momento delle proteste dei residenti e dei commercianti del centro storico, ma una cosa mi ha particolarmente colpito: il sindaco era lì, presente, fisicamente per strada a parlare con la gente e sugli organi di informazione a rispondere alle domande e a chiarire le molte perplessità.
      Certo, le dimensioni del problema non sono le stesse per le due città, però credo che soprattutto sia stato ben diverso il modo di gestirlo.

    4. In tutta sincerità, esiste qualcuno che è fiero di aver votato Cammarata? Cri

    5. Sì, quelli che non scrivono sui blog.

    6. certamente il paragone scricchiola.. non si possono confrontare per dimensioni e numero di abitanti Palermo ed Ortigia. tuttavia il centro storico della nostra città potrebbe diventare quel gioiello che tutti sognamo, libero dalle auto e silenzioso.. basterebbero soltanto un po’ di palle e un po’ di cervello!

    7. @donato di donna ha scritto “Il centro storico di Siracusa, Ortigia, è divenuto ZTL: solo i residenti possono introdurvi e parcheggiare autoveicoli.”

      Benvenuto a Palermo Donato!!!!!
      Se il centro storico a Palermo non è ancora chiuso al traffico la colpa è solo dei commercianti del centro storico, che appena sentono parlare di limitazioni agli automobilisti corrono subito a fare bordello da Helg.

    8. @Andrea. Infatti il parchgeggio Talete non ha i mille posti auto di quello di viale Basile …
      Il perimetro dell’antica Palermo murata con al centro i quattro canti perchè non potrebbe essee chiusa al traffico sic et simpliciter?

    9. Purtroppo, anche si opterebbe per la chiusura al traffico del centro (che sarebbe una pregevole iniziativa) ci sarebbe la casta dei commercianti che si opporrebbe.
      Figurati che già si stanno lamentando per i lavori di rifacimento in via Ruggero Settimo.Si lamentano se gli metti i cordoli per la corsia preferenziale dei bus.Si lamentano se i vigili fanno contravvenzioni ai loro clienti.
      Ci vuole gente con le xxlle di sotto, e che abbia vera volontà a fare cose serie!

    10. Eh sì, vabbè. Sai quanto ci mette la navetta dalla via Basile a piazza marina? Si fa prima a piedi…

      Però potremmo levare il prato del foro italico e farci un posteggio. Anzi, basta levare i birilli, il prato muore da solo…

    11. @ Isaia. Una navetta ogni 10 min. ci impiega lo stesso tempo di una qualunque altra macchina: il problema non è il tempo di percorrenza, ma quello di attesa del mezzo. Se poi si chiudesse al traffico la città murata si farebbe anche prima e la soluzione potrebbe essere integrata con altre: http://www.rosalio.it/2007/01/28/migliorare-la-qualita-della-vita-nel-centro-storico/

    12. oggi al consiglio comunale alle h 19 si parlera’ della mozione presentata da spallitta e monastra contro questo provvediment ztl…. vi invito a partecipare

    13. sicuramente al “nostro” sindaco, se gli parli di metterci dei campi da tennis al posto del parcheggio di via basile, gli interessa di più. E al futuro presidente della provincia (si sa già chi sarà basta vedere su TG3 di oggi le facce che lo appoggiano, cuffy, fally, patty) non interesserà manco il campo da tennis, ma la “corleone-mare”.

    14. ma solo io in tre gg ad ortigia del pulmino non ho visto neppure l’ombra?

    15. Il pulmino elettrico cui ho fatto riferimento gira in continuazione tra piazza Archimede e il parcheggio Talele.

    16. Quasi 20 anni fa Battiato canticchiava:
      “L’evoluzione sociale non serve al popolo se non è preceduta da un’evoluzione di pensiero”.
      Anche se, in fondo, credo che (come diceva anche il caro Voltaire), si debba sempre fare tutto per il popolo ma nulla per mezzo del popolo.
      Un abbraccio
      Giovanni

    17. di cose se ne potrebbero fare tante,e il progetto di donato sicuramente aiuterebbe a risolvere una buona parte dei problemi,purtroppo palermo non è siracusa e il centro strico di palermo è molto più ampio,e la testa dei palermitani è diversa da quella dei siracusani,in ogni caso se una citta vuole adottare una zona a traffico limitato deve dare la possibilità a chi si deve recare in centro di potervi accedere con mezzi pubblici funzionanti e altri mezzi di circolazione non inquinanti,diciamoci pure che il provvedimento approvato dalla giunta di palermo è un autogol che la giunta si è fatto,ma mi chiedo tutte queste associazioni di commercio di categoria che oggi si lamentano e vogliono aprire tavoli e tavolini,dove erano 1 anno fà?

    18. p.s.
      1)ormai sono quanti, 6 anni?, che la giunta comunale dal punto di vista del traffico, per tacere d’altro, naviga a vista nella più assoluta improvvisazione e incompetenza?
      2) la chiusura al traffico di via ruggero settimo e via maqueda dopo tanti proclami rimangiata dall’oggi al domani
      3) piano traffico di via Crispi, ve lo ricordate?, rimangiato in 2 giorni
      4) chiusura al traffico piazza Olivella, pare sia ancora chiusa! ahahaaa mi fanno morire
      5) piazza BOlogni, andate a cercare i proclami sulla chiusura, hahaaha mi sfianco, questo è cabaret puro.

      Devo continuare?
      e dire che già qualcosa sarebbe mettere un vigile che dicesi 1 alla fine di via Basile prima della biforcazione quando ci sono manifestazioni a piazza indipendenza, così tanto per non far fare inutilmente altri 20 minuti di giro all’indietro. Ma forse è chiedere troppo….

    19. ma lei e’ pazzo,secondo questo piano dei dipendenti pubblici,effettivi o precari che siano devono lavorare.
      Mi pare proprio impossibile,quelli dell’Amia fanno cadere in pezzi gli automezzi di lavoro pur di avere la scusa per firmare ed andare a casa o a gestire le aziende edili o altro di cui sono titolari,a nero ovviamente

    20. E’ vero, le ztl di siracusa sono molto efficaci. In ortigia, si gira solo a piedi e si sta molto, molto meglio di prima. Ovviamente nessun negozio ha dovuto chiudere…anzi, se ne sono aperti di nuovi.

    21. ieri al consiglio nn hanno avuto il tempo x parlare della mozione sulle ztl delle consigliere Monastra-Spallitta…. erano troppo presi dal raddoppio dellIRPEF

    22. Prima di copiare/studiare dalle esperienze degli altri, si dovrebbe cercare di portare a termine qualcosa …
      Qualcuno sa a che punto è il progetto tram, non era stata posata la prima pietra qualche giorno prima delle ultime comunali?
      E per il sottopassaggio di via Perpignano inizieranno mai, veramente i lavori?
      Ed il raddoppio di Viale Regione all’altezza del BabyLuna?
      E il sovrappasso pedonale sulla rotonda di via Leonardo da Vinci di cui si era strombazzato un mega progetto qualche anno fà?

      Per parlare solo dei progetti che, in teoria, sono già finanziati…

    23. Buongiorno, scusate ma dissento. Dove vivo io hanno copiato Firenze e il risultato è stato pessimo. Purtroppo bisogna essere bravi anche a copiare e quindi ci vogliono dei tecnici ugualmente. Adottare una soluzione presa per una città per i problemi di un’altra non è poi semplice come sembra (confesso che anche io pensavo fosse la soluzione migliore). Da noi il problema parcheggio lo si può solo risolvere radendo al suolo la città e riprogettandola pensando al 2008 ma anche al 2108 (per non ri-buttarla giù dopo poco). Quando un città ha la maggior parte di costruzioni e vie concepite nell’ottocento, non puoi pretendere di invertire i sensi di marcia ogni tre mesi per “provare”, le vie sono quelle, le auto pure e la mentalità idem. Fare parcheggi fuori città? Se non hai la navetta a due passi, immediatamente sceso dall’auto, è un guaio…le scarpe si consumano. Ma io dico, i miei nonni facevano 11 km a piedi due volte la settimana per andare al mercato e il ritorno era decisamente “pesante”; hanno vissuto benissimo. Perchè ora, invece di trovare mille soluzioni non si dice: qui, li e la, si va a piedi, punto. Da noi la ZTL e ZTM sono barzellette…i pass dovevano essere una cifra e sono arrivati al quadruplo: quello deve consegnare, quello è un parente, quello è uno importante, quello è del Comune…..ecc. Stop, ho parlato troppo.

    Lascia un commento (policy dei commenti)