sabato 18 nov
  • “Presente/Futuro” al Teatro Libero

    Si apre stasera alle 21:15 e proseguirà fino al 5 giugno al Teatro Libero la terza edizione della rassegna Presente/Futuro che coinvolge artisti che vivono e/o lavorano in Sicilia. Partecipano cinque compagnie palermitane e una compagnia franco-italiana, accostando diverse esperienze artistiche che hanno visto Palermo quale luogo privilegiato di creazione.

    “Presente/Futuro”

    Stasera si inizia con la Compagnia Almansur e Gianfranco Perriera in Io le dissi che non credo. In scena Roberto Burgio, Elena Pistillo, Giulio Giallombardo e Dario Frasca.

    Domani sarà la volta della giovane compagnia Astragalo-Teatro dell’Osso che presenteranno Ragnatela, un progetto di Marco Brigaglia liberamente ispirato al teatro espressionista di Franz Wedekind, con Dario Aita, Claudia Favata, Irene Ientile, Paola Polizzotti, Eileen Quinn, Irene Rosso, Delia Russo, Maria Francesca Spagnolo ed Elisabetta Trupia.

    Lunedì 2 giugno Landi Sacco ed il gruppo del Centro delle arti teatrali presenteranno Angeli, appuntamento di teatro-danza frutto di un lavoro di ricerca rivolto alla scoperta, attraverso la molteplicità dei linguaggi affidata agli attori/interpreti. In scena Vincenzo Cantisano, Marina Castrechini, Giulia Mancino, Laura Spacca, Tatiana Giurintano e Landi Sacco.

    Martedì 3 giugno andrà in scena la giovane compagnia palermitana Quartiatri con lo spettacolo Testa o Croce, un progetto di Dario Mangiaracina che ne cura anche la regia. In scena Dario Muratore, Chiara Muscato, Marcella Vaccarino e Gisella Vitrano.

    Mercoledì 4 giugno sarà la volta della compagnia Tanto di Cappello con lo spettacolo Emi-grati o emi-in-grati o fate voi… scritto da Andrea Saitta sul tema dell’emigrazione, del viaggio e della scoperta. In scena ci saranno Gaetano Basile, Luigi Ciranni ,Virgilio Rattoballi, Andrea Saitta e Nicolas Antony Schiavo.

    Giovedì 5 giugno si chiude con la compagnia Emile Saar e lo spettacolo Son visage…, nato dopo due anni di ricerca in residenza tra Marsiglia e Palermo. Si tratta di un progetto di Marie Lelardoux che ha costruito una forte sinergia tra diverse esperienze artistiche, vedendo la collaborazione di Alessandra Luberti nel condurre alcuni laboratori presso l’Officina Ouragan. In scena Alessandra Luberti, Alfredo Costa Monteiro, Geneviève Sorin e la voce di Jean Jouanaud.

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)