venerdì 20 ott
  • Buona Sicilia e il negozio all’aeroporto

    Vogliamo sfatare il luogo comune che “in alcune zone della Sicilia non serve sapere lavorare se non hai amicizie mafiose, politiche o massoniche”.

    Sono di Buona Sicilia, l’azienda che fino alla scorsa settimana aveva un negozio in aeroporto a Palermo all’interno delle sale d’imbarco.
    Essendo una azienda che valorizza il territorio (distribuiamo oltre 100 medio-piccole aziende siciliane) e secondo quanto ci era stato verbalmente comunicato saremmo dovuti essere trasferiti a breve nelle nuove sale d’imbarco insieme ad altre aziende a “caratterizzazione siciliana”
    Noi siamo stati sfrattati, sono rimaste la pasticceria Palazzolo di Cinisi e il negozio di ceramiche Siciliarte. Mi chiedo: che ci sia stata qualche forma di discriminazione?

    Ospiti
  • 113 commenti a “Buona Sicilia e il negozio all’aeroporto”

    1. se non hai i giusti parrocciani LEVACI MANO (do you understand?) ma non è che per caso sei di bergamo alta?

    2. Quoto Baboo…per di più la gesap che io sappia non pubblica mai offerte di lavoro, ma ci sono sempre dei “neo assunti”…come è possibile questo?

    3. Parentopoli, mafiopoli, pensi che non funzioni così anche nella gesap?
      Comunque sia complimenti per l’aeroporto più cool d’Italia, adesso è addirittura il primo ad avere un centro scommesse snai! Manco a fiumicino c’è!
      Ma il commento di prima è stato tolto?

    4. Dal trasfermimento sono passati allo sfratto?
      certo avrebbero dovuto mandare tutti via e non random, sempre che si tratti questo.

    5. Che tristezza! Vivete (io sono del nord), in uno dei posti più belli al mondo, e credetemi ne ho visitato di mondo, e non sapete/potete liberarvi da un sistema da 4° mondo! Amate caratterialmente piangervi addosso ma continuate a votare per gli stessi politici da almeno 50 anni! Ho paura che non ce la farete mai. AUGURI CON TUTTO IL CUORE.

    6. Simone se un commento è stato rimosso violava la policy dei commenti.

    7. Dispiace moltissimo leggere questa notizia, anche perchè ho avuto modo di conoscere e apprezzare personalmente il titolare di Buona Sicilia, che ha dimostrato di essere un vero imprenditore in quanto ha saputo trasformare la sua vecchia azienda in una nuova attività con l’introduzione di sistemi di vendita innovativi, e principalmente è riuscito a garantire il posto di lavoro ai suoi collabotori. Circostanza questa che non è assolutamente da sottovalutare.

    8. Purtroppo ha ragione Andrea…E’ vero, ci lamentiamo e borbottiamo per genetica, per istinto…Ma, al momento del voto, più di qualcuno “inserisce il pilota automatico” e vota sempre sullo stesso simbolo…Io voto sempre dal lato perdente (“ho vinto” solo quando ho votato la Rete…)…Ma credo che almeno una parte di noi stia prendendo consapevolezza del sistema bacato (comunque non solo siciliano…); se continua così, basteranno 3 o 4 generazioni…

    9. caro imprenditore siciliano……e di cosa ti stupisci? la notizia nn fa…notizia…….mi stupirebbe il contrario, cioe’ che un’azienda siciliana nel territorio, nn accodata al carrozzone o con agganci politici simil mafiosi sia messa in condizione di lavorare…! ma di cosa ti lamenti? avete una classe politica stratificata su bastioni inespugnabili, nn riuscite a cambiare ne’ facce (sarebbe gia’ qualcosa…..) nè cultura…..La sicilia è come un degente in coma irreversibile…la vedo dura per voi…..che peccato! avete tutto per vivere da re e vivete da …paria..!un consiglio al nostro amico? sposta la tua azienda in altro territorio…..auguri

    10. E’ vero strangeman, probabilmente l’unica cosa da fare è sbaraccare e andare più a nord. Mi indigna come riescano a fare tutto con la massima discrezionalità e senza che debbano risponderne a qualcuno. Etica e morale le usano come carta igienica. Il problema è fare crescere i ragazzi in questo sistema. Alfredo Nocera

    11. Caro sig. Nocera, ho avuto il piacere di conoscerla per lavoro qualche tempo fa, e sò che come imprenditore è fuori dalla normalità sicula, troppo brava persona!!!
      Non si arrenda, se quei pochi che sono rimasti scappano è davvero la fine!!
      mai arrendersi!!!

      Benedetto Cangialosi

    12. la verità è che fare azienda in maniera pulita e valorizzare il territorio sono cose che non possono interessare a questa categoria di gente, mercenaria della politica e della mafia. non riesco ancora ad arrenddermi all’ idea che l’ unica chance sia quella di fuggire…non voglio dare un esempio di sconfitta ai miei figli ma la tentazione è grande, purtroppo.

    13. Una vera porcata!!!!
      Del resto l’A.D. Giacomo Terranova conferma
      l’atteggiamento poco chiaro ed equivoco
      che lo contraddistingue “servo della gleba del
      politico di turno”.

    14. Invia, spedisci a tutti, manda lettere, email. parlane con politici ed amministratori… con chiunque. Chissà che qualcosa non si muova.
      Giuseppe

    15. ci sei o ci fai? se non hai portato una barca di voti o se non hai qualche amico ntiso meglio che cambi lavoro!

    16. avete visto sul giornale di sicilia come era contento terranova all’inaugurazione del centro snai? PRIMO AEROPORTO IN ITALIA AD AVERE UN CENTRO SNAI! palermo la città più COOL d’italia!. ma d’altronde a che serve una enoteca siciliana a punta raisi?

    17. alcune domande per Alfredo
      1
      tra il vecchio e il nuovo scalo sono aumentati o diminuiti i posti per le attività commerciali?
      2
      quali sono i criteri di assegnazione dei posti?
      3
      chi stabilisce l’assegnazione dei posti?
      4
      quali sono le nuove attività ,se ci sono,che avrebbero preso il posto di Buona Sicilia

      grazie
      pequod

    18. 1)Il trasferimento nel nuovo scalo credo sia avvenuto nel 1994, Buona Sicilia ha avuto assegnato lo spazio nel 2001 dopo una attesa di tre anni, le attività commerciali erano sicuramente aumentate.
      2)Assolutamente discrezionali, avevo presentato un business plan tramite la Confcommercio.
      3)Gesap
      4)Al momento nessuna, i locali che abbiamo dovuto abbandonare insieme alla informazioni e coppole lo scorso 15 ottobre sono ancora liberi.
      Si è insediata a giugno la Linea Aeroportuale Sole soltanto negli ex locali della Dufrital. Negli ex locali della Randazzo c’è adesso Banca Nuova, sono ancora liberi gli ex stand di Fiorentino Calzedonia, Blue Spirit, Sikania, Parrucca, Tim e Flaccovio (trasferitosi adesso negli ex di Fiorentino). Dovrebbero essere ancora liberi gli ex locali del Banco di Sicilia.
      Resto a completa disposizione.
      Alfredo Nocera

    19. Quante famiglie hanno messo in mezzo ad una strada con questo gioco delle tre carte? A leggere quante aziende hanno fatto chiudere viene da inorridirsi. Com’è che non intervengono i sindacati,il prefetto o non sò chi altro?
      Ma i proprietari della Gesap non sono enti pubblici?

    20. Tra gli azionisti “pesanti” della Gesap c’è la Camera di Commercio, il presidente Roberto Helg è intervenuto in questo sfacelo? Comportamenti davvero strani (anche se c’è stato da poco il cambio del Presidente della Provincia che è il socio di maggioranza di Gesap) La realtà è che abbiamo un aeroporto che sembra sia in coma irreversibile, SVEGLIA PER IL BENE DI UNA REGIONE!

    21. In Gesap comanda il direttore Carmelo Scelta, Giacomo firma soltanto. (250.000 euro + bonus e macchina con autista)

    22. Matri maria che senzo di gomito che ho!

      Da quattro anni, per ogni santo giorno, là sono nel posto più cul…. del mondo, che fottuna che ebbi!

      A Palemmo un aeropotto internazionale abbiamo picciò, forse ve lo siete scordati? E dintra all’aeropotto c’è il primo centro scommesse nca mancu a Fiumicino c’è, mica bau bau micio micio…

      Vabbè poi non c’è l’adsl (e che ci fa? a Fiumicino manca però il centro scommesse), certo poi le porte del bagno sono rotte (vabbè a Fiumicino non ce l’hanno il centro scommesse), è chinu chinu di racazzi rampanti ca prima trasinu con contratti co.co.co (ma chissù gaddine?) e poi coe d’incanto dipendenti diventano e di un certo livello con stipendi di tutto rispetto piffari iri e bbieniri ru bar.

      Certo quannu ci fu un bell’acquazzone a settembre, l’acqua trasiva dintra l’aerostazione e cerano cati (ripeto cati) messi qua e là per raccoglierla ma un cento scommesse porta picciol alla gesap ed il centro scommesse manco a fiumicino c’è.

      Come dite? A Fiumicino forse hanno l’adsl, i porti ru bagnu si chiuinu, acqua ri cielo unni trasi? Ma a fiumicino u centro scommesse c’è?

    23. 250.000 euro? e cu è u presidente ra regione e poi bello pi biero è st’aeroporto.

    24. Nello schifo di aeroporto che è punta raisi il presidente prende 250.000 euro ma siete pazzi! calci nel c… se fosse in un aeroporto del nord.

    25. Sembra un aeroporto che sta per fallire, abbandonato da Alitalia, da Ryanair,etc. tutti i negozi chiusi, controsoffiti caduti, piove dentro, bagni impraticabili, meglio chiuderlo e utilzzare trapani birgi (o cambiare gli amministratori)

    26. Perchè Gesap non mantiene le promesse di assumere le quattro ragazze che lavoravano alla biglietteria della Meridiana? Perchè l’etica e la morale sono una marca di carta igienica?

    27. si e sentito dire dei 160 tagli all aeroporto falcone borsellino , e un assurdita che una citta grande come palermo, l aeroporto diventi turistico, e non piu internazionale no no non si puo permettere questo!!!

    28. i politici locali che fanno? non riescono ad intervenire per fermare questa emorragia di posti di lavoro? che l’aeroporto di catania ha più passeggeri è vero ma la la gesap che ha fatto fino ad ora? adesso scappa pure rynair e non se ne parla. i negozianti siciliani sono scomparsi e adesso c’è una azienda veneta che ha preso tutti gli stand (con tre impiegati) coscienza questi non ne hanno? vedi per malpensa come si sono mobilitati tutti i politici del nord, qua sono tutti ammucciati a fare solo i propri miseri interessi.

    29. Perchè non rendere pubblici gli stipendi dei dirigenti della Gesap? Che si possa vergognare qualcuno? Che rendano pubblici i soldi che si prendono (almeno quelli ufficiali)

    30. Gesap ha risposto a questa evidente discriminazione?
      Siamo alle solite,tutto agli amici degli amici, gli altri morire devono.

    31. Ma non vi sembra ridicolo che in aeroporto a punta raisi manchi pure il tabacchi e ci sia invece l’unico punto snai negli aeroporti italiani? Che ci sia qualche interesse?

    32. In una città allo sbando, (al 93 posto per qualità della vita e continua a scendere) l’aeroporto non può che essere così, d’altronde la gestione fallimentare è dello stesso “gruppo”. Che sia ora di commissariare tutto magari con un Generale dei Carabinieri altoatesino?

    33. I principali azionisti della Gesap sono la Provincia , il Comune e la Camera di Commercio, possibile che non facciano nulla per il loro territorio? Guardate Formigoni o Marrazzo come lottano per il loro aeroporto e per gli interessi della loro provincia. Non ci sono speranze con questa classe politica gonfia di stipendi e parcelle d’oro. Povera Sicilia!

    34. Il Presidente della Camera di Commercio e della Confcommercio Roberto Helg è anche il vicepresidente della Gesap perchè non interviene? Per ricapitalizzare la mangiasoldi Gesap i soldi li trova, per lasciare lavorare le aziende del territorio no. Davvero strano che non ci sia l’intervento di Helg e degli altri azionisti (Comune e Provincia di Palermo)

    35. Si vede che ha interessi in questa operazione, SVEGLIAA!!

    36. Stride non poco il grande interesse di Giacomo Terranova ad aprire il centro Snai in aeroporto ed il totale disinteressamento per Buona Sicilia, Fiorentino, Parrucca, Randazzo e per il Banco di Sicilia. SVEGLIAAA come dice Filos?

    37. fino ad ora fanny, presto l’orticello cambierà padrone arrivano gli uomini del nuovo inquilino di palazzo comitini. punta raisi passerà da una gestione tipo colombia ad una tipo nigeria?

    38. c’è da ridere, manca tutto, pure il tabacchi però c’è il centro scommesse …. e come era contento giacomo terranova all’inaugurazione! cose da terzo mondo

    39. A pensare male si fa peccato,ma molto spesso ci si azzecca! ( Giulio Andreotti? )

    40. ma il tabacchino quando lo aprono mai?!

    41. non paga il pizzo e resta chiuso! tengo famiglia scherzavo chiaramente…

    42. Al Falcone Borsellino puoi fare scommesse (unico in Italia) al centro Snai, ma se vuoi comperare una bottiglia di buon vino siciliano no, non vi sembra strano?
      Ha ragione Filippo, A pensare male si fa’ peccato, ma molto spesso ci si azzecca!

    43. Un’aerostazione nel più assoluto degrado, tetti divelti, buio, sporcizia, mancanza di negozi e addirittura di un tabacchi (leggo che però c’è il centro snai), pizzo sui parcheggi etc. ma vi rendete conto che l’aeroporto è il biglietto da visita di una città? Vi rendete conto del bel pugno negli occhi che riceve il turista quando arriva a Punta Raisi? Amministratori incapaci o…altri problemi? SVEGLIA PALERMO già penultima nella classifica sulla vivibilità delle città in Italia. SVEGLIA ! Cacciate gli amministratori incapaci!

    44. Sì, forse è vero, però il centro Snai non c’è l’ha nessun aeroporto!
      Ti pare niente?
      Vai a vedere la fila di turisti giapponesi, inglesi, americani,e pure francesi che c’è per scommettere.
      Manca il tabacchi? Meglio, il fumo fà male!
      La verità è che siete i soliti disfattisti e pure comunisti!

    45. Io ho pagato alla Gesap 140,00 euro per parcheggiare 7 giorni in aeroporto! Una rapina! E non esistono parcheggi liberi (neanche ad 2 chilometri di distanza). Anche questo è pizzo, costa meno Venezia, vergognatevi!

      http://www.corriere.it/cronache/08_dicembre_09/alessandra_mangiarotti_aeroporti_italiani_parcheggi_piu_cari_dei_voli_20139d42-c5c0-11dd-a2ac-00144f02aabc.shtml

    46. Un aeroporto allo sfacelo, proprio come la città (amministrati dallo stesso gruppo) Che da Aosta ci mandino qualche politico in grado di amministrare?

    47. allaeropotto intennazionale ri pnta raisi un ci sunnu i sicariette! ma chi ci nhi pigghi! ma u centru scummissi si! mha?

    48. Ed a casa pure quelli che gestiscono l’aeroporto (stessa combriccola)

    49. Sapete che in aeroporto a Palermo manca pure il tabacchi ma c’è il centro scommesse. Strano?

    50. Punta raisi che cesso di aeroporto, avete visto lo scalo di trapani birgi?

    51. Da “Frequent flyer” desidero segnalare lo stato di abbandono nel quale si trova l’ aerostazione di Palermo Punta Raisi. Scarsa qualità e costi alti nella ristorazione, pochissimi esercizi commerciali, manca ad esempio il negozio di telefonia, una enoteca, il tabacchi, (strano che ci sia il centro scommesse) e poi tanta sporcizia sopratutto nei bagni. Ho avuto modo di constatare l’ottimo livello dell’aeroporto di Catania Fontanarossa e la crescita del piccolo aeroporto di Trapani Birgi. In ultimo vorrei ricordare che tra poche settimane sarà Pasqua, ci presentiamo davvero bene alla partenza della nuova stagione turistica.

      Distinti saluti.
      Pietro

    52. I turisti che arrivano nel Vs. aeroporto di Palermo rimangono sbigottiti, tanta sporcizia, una ristorazione cara e scadente, la mancanza di negozi, da segnalare in particolare il tabacchi che mi dicono manchi da oltre un anno. Come volete che i turisti ritornino, vi rendete conto che l’aeroporto è il bigliettino da visita della citta’?
      Palermo potrebbe vivere soltanto di turismo, ma dovreste cambiare qualche dirigente con persone che sappiano fare il loro lavoro con competenza ed onesta’. E’ inutile lamentarsi del declassamento dell’aeroporto, fate qualcosa ed i turisti arriveranno. A breve sara’ Pasqua e ci saranno molti arrivi dalla mia Francia, fate trovare l’aeroporto in condizioni migliori.

    53. l’aeroporto è così da anni. e la concessione quarantennale è stata data alla GESAP! grazie che ora l’ENAC fa le indagini… che fine stanno facendo i soldi che beccano?? le solite palle ai soliti noti? le solite mazzette?? fanculo.. stronzi. pezzenti che sono. votiamoli ancora dai! ci sono sempre le stesse facce al potere a Palermo, e la città arranca. ci sarà un motivo? vergogna!

      http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=789202

    54. Non si capisce (ufficialmente) perchè hanno mandato via il banco di sicilia, fatto sloggiare con urgenza il centro tim, il tabacchi, il negozio delle coppole, l’enoteca sicilia, parrucca, calzedonia, blue spirit, randazzo, fiorentino, il negozio dei profumi… spero che alla vicina prossima pasqua ci sia qualcosa oltre al fondamentale per i turisti centro scommesse Unico centro scommesse in un aeroporto italiano! A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. (Giulio Andreotti)
      http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?s=9726d86da735643d787e9f967caea335&t=789202&page=2

    55. Non dimentichiamo tutte le persone che sono state licenziate a causa della forzata chiusura dei negozi, di chi lavorava nell’ indotto, e degli ingenti danni che ha subito la stessa gesap per la mancanza degli introiti degli affitti. cappiddazzo paga tuttu. Pensare che gesap ha ottenuto una concessione dall’ enac per 40 anni viene da vomitare.
      http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?s=d2a1d7420d3a131b8d6b3a0216d3d9f8&t=789202&page=2

    56. Hai ragione Lorient, lo stato del nostro aeroporto è penoso e siamo molto vicini all’ inizio della stagione turistica. Gli amministratori della Gesap non si rendono forse conto di quanti danni arrecano all’immagine ed all’economia del territorio, ma…. non è che in città vada meglio. Ricordo che la gestione dell’aeroporto è in mano al Comune di Palermo, e che “il pesce puzza dalla testa”. Ci resta comunque la speranza. Francesca

    57. Anche il presidente dell’Enac Vito Riggio denuncia l’eccesso di politica e clientelismo nello scalo palermitano di Punta Raisi con un articolo sul Giornale di Sicilia di ieri a firma Ignazio Marchese.

    58. Clientelismo a punta raisi???
      Ma che dici! le selezioni sono rigidissime! “entra” solo chi merita, chi parla bene l’inglese ed ha già esperienza nel settore turistico o cmq della gestione del cliente…uah auah uah!!!
      indagate indagate…sono contento.

    59. viene lo sconcerto…e meno male che affiggevano i progetti per il rinnovamento del nostro aeroporto…che che stanno facendo!!!!
      Buffoni!!!!

    60. Gli amministratori della Gesap sono compagni di merenda di quelli dell’Amia….. non aggiungo altro. Speriamo che accendano qualche luce anche sulle vicende dell’aeroporto.

    61. Il centro scommesse Snai funziona alla grande in aeroporto, è sempre pieno di gente che si rovina con le giocate, e la gesap incassa. Bravi si sentiva la mancanza di questa attività.

    62. fumo,fumo, fumo
      http://www.gesap.it/index2.php3?lang=it
      progetti irrealizzabili costati una montagna di soldi (ai soliti amici)

    63. bellooo ma quanto è costato il progetto?
      lo ha fatto il solito amico degli amici?
      bello proprio bravi, il progetto per l’aeroporto più cool del mondo! che non verrà MAI REALIZZATO.

    64. “Jus primae noctis” mi auguro che non avvenga più, anche se leggendo http://www.snomar.it sembra proprio che siano rimasti dei residui feudali. Probabilmente alcune zone della Sicilia sono ancora in regime di sottosviluppo dovuto alla signoria territoriale esercitata. Svegliatevi!

    65. Sì, mi riferisco a http://www.snomar.it nella realtà se non hai un politico od un mafiosetto del luogo non puoi lavorare, dispiace molto ammetterlo, cruda, dura ma è la verità.

    66. Fare impresa in Sicilia?
      E’ stato trasferito su http://www.enotecasicilia.com

    67. Vergogna, vergogna anche per gli azionisti consenzienti, la provincia, il comune e la camera di commercio di palermo azionisti di gesap, certamente ognuno avrà il proprio giardinetto, povera palermo, povera sicilia. Speriamo che prima o dopo qualcuno accenda una luce anche sull’aeroporto

    68. E adesso il comune di palermo stanzia più di 5 MILIONI DI EURO per la gesap, ma avete idea di quanto guadagna l’amministratore delegato, il presidente, il direttore, il vicepresidente e tutta la miriade di capi e capetti in aeroporto? Non era meglio visto il periodo destinare questi soldi VERI al sociale? Cose palermitane.

    69. Giacomo Terranova il manager pubblico più pagato!
      Un premio per l’ottimo lavoro svolto!
      Ha fatto dell’aeroporto di Punta Raisi un vero gioiello (personale) Io direi VERGOGNA! (In prima pagina su Repubblica di oggi)

    70. Dimenticavo…. pubblicare come dice Alessandro gli “stipendi” del Presidente Avvocato Rosario Calì, del Vice Presidente Dott. Roberto Helg, del Direttore Dott. Carmelo Scelta e di qualche altro pezzo grosso in aeroporto no? Vediamo dove vanno a finire i 5 milioni di euro del Comune di Palermo. E per i sociale NIENTE.

    71. Oltre 300.000,00 (trecentomila) euro l’anno secondo indiscrezioni aeroportuali!

    72. Precisazione: i 300.000,00 euro sono quelli guadagnati ogni anno soltanto dal direttore.

    73. A proposito della mangiasoldi Gesap e dei soliti amici degli amici:

      Piovono milioni di euro su Catania e Palermo nonostante i loro bilanci disastrati
      di Gianni Barbacetto – 6 gennaio 2010

      Il ministro Giulio Tremonti, con l’avallo di Roberto Maroni, premia per decreto i comuni virtuosi, quelli che hanno saputo ben amministrare i soldi dei cittadini.

      Ma, a scorrere l’elenco dei premiati, proprio tra i comuni virtuosi compaiono, a sorpresa, due amministrazioni notoriamente in grave dissesto: Palermo e Catania. Avranno un premio di 1.562.860 euro la prima e di 983.411 la seconda. Il premio maggiore andrà comunque a Milano che, prima nella classifica dei comuni virtuosi, avrà ben 6.815.598 euro, malgrado le incognite che pesano sul suo bilancio reale a causa di quella bomba a orologeria che sono i derivati.

      I premi di questa generosa lotteria di fine anno sono dispensati da un decreto datato 22 dicembre 2009 e firmato da due ministri, quello dell’Economia, Tremonti, “di concerto” con quello dell’Interno, Maroni. Il meccanismo attivato è quello previsto della legge 133 del 2008, che premia gli enti locali che mantengono il “patto di stabilità”. Ossia che riescono a mantenere la spesa entro certi parametri stabiliti. I due indicatori considerati sono il grado di autonomia finanziaria (la capacità di trovare risorse finanziarie locali, grazie per esempio a tributi e tasse comunali, a prescindere da trasferimenti statali o regionali) e il grado di rigidità strutturale (cioè la capacità di tenere basso l’indice della spesa corrente).

      L’Unione europea, che veglia sul rispetto del patto di stabilità, ha concesso all’Italia, per il 2009, di sforare di 700 milioni di euro sugli impegni assunti con l’Europa. Il governo ha girato questa possibilità agli enti locali. Saranno dunque i comuni a poter spendere di più, secondo la classifica stilata da Tremonti. Gli impegni di spesa dovranno essere messi nel bilancio 2009.

      Così Milano potrà spendere quasi 7 milioni in più, Palermo 1 milione e mezzo, Catania quasi un milione. Clamoroso che sia premiata come virtuosa una città come Catania, a cui l’Enel arrivò a tagliare la corrente elettrica per l’illuminazione pubblica. È in corso un’indagine giudiziaria su un dissesto che non è arrivato alla completa bancarotta soltanto grazie ai soldi arrivati dal governo.

      Palermo, poi, non sta molto meglio. La spazzatura nelle vie cittadine ha reso evidente la crisi dell’Amia, la società per l’igiene ambientale posseduta al 100 per cento dal comune: ha chiuso il 2008, dopo varie rettifiche di bilancio, con 180 milioni di perdite e un patrimonio netto negativo di 92 milioni e la Procura ne ha chiesto il fallimento (l’udienza è prevista nei prossimi giorni davanti al Tribunale). I suoi ex amministratori, dal presidente (il parlamentare del Pdl Vincenzo Galioto) al direttore generale, Orazio Colimberti, sono stati rinviati a giudizio per falso in bilancio. E il comune, di fronte ai maneggi contabili avvenuti in questi anni, s’è rivelato incapace di esercitare qualsiasi forma di controllo. Nonostante la responsabilità delle società partecipate sia direttamente del direttore generale dell’amministrazione, Gaetano Lo Cicero, nominato l’estate scorsa dal sindaco di Palermo, Diego Cammarata, anche presidente dell’Amia.

      Il comune ora ha varato un aumento di capitale dell’Amia per 99 milioni con il rischio – ha sottolineato nei giorni scorsi il ragioniere generale – di un depauperamento del patrimonio dell’amministrazione. Ma la società ha già ingoiato e distrutto altri 80 milioni che il sindaco ha ricevuto dal governo Berlusconi con il decreto “mille proroghe”. Senza contare altri 150 milioni stanziati dal Cipe l’estate scorsa a favore del comune, e non ancora utilizzati, per investimenti nel campo dell’igiene ambientale.

      La società palermitana dei trasporti, l’Amat, ha 10 milioni di debito. Quella del gas, la Amg, 2 milioni. La società di servizi Gesap, altra macchina mangiasoldi, è sull’orlo del fallimento: ha chiuso il 2009 con un “rosso” di 9 milioni e prevede per il 2010 un deficit di 14 milioni. Ora sta addirittura per decidere un taglio del 20 per cento degli stipendi dei dipendenti.

      Evidentemente c’è qualcosa che non va nel meccanismo che valuta la virtuosità degli enti e stabilisce i premi. «Tremonti guarda solo i conti che le amministrazioni gli presentano, senza alcun controllo», protesta Davide Faraone, capogruppo Pd a Palermo.

      Non sono considerati i servizi offerti ai cittadini (tanto che città come Reggio Emilia e Massa, Forlì e Ravenna, sono in classifica molto dietro a Palermo e Catania). E non sono calcolati i soldi persi dalle aziende controllate. Così le amministrazioni incassano, senza migliorare di un millimetro le loro virtù.
      La spazzatura per le strade di Palermo, con l’azienda municipale in crisi.

      Tratto da: Il Fatto Quotidiano

    74. ccù rì spiranza campa rispiratu mori.Auguri a tutti i palermitani Onesti.lottate x la vostra città che fù pure la mia.

    75. Dico solo che l ‘ignoranza regna nelle menti di chi è pronto a criticare gratuitamente!Per chi non conosce è meglio che stia zitto e non giudichi l’operato di persone che cercano di farte andare avanti la giustizia.Il tabacchi è rimasto chiuso perche la licenza è stata congelata dal tribunale di palermo per infiltrazioni mafiose.Solo dopo lo sblocco della licenza è stata dovuta fare un nuovo bando di riassegnazione.Quindi per questa mancanza non credo sia giusto criticare la gesap.Io partendo dall aeroporto di palermo circa un mese fa ho visto che randazzo ha riaperto ci sono dei nuovi negozzi ancora piu grandi e piu belli di prima….certo roma non è stata costuita in un giorno!! e tanto meno le vostre critiche non aiutano ad accellerare il processo di rinnovamento.Siate ottimisti e non marchiate la sicilia sempre con il simbolo della mafia perche cosi facendo distruggerete l’immagine di tanta gente che lavora onestamente e ha dato la vita per migliorarla.

    76. Mi dispiace veramnte per quello che ha scritto il povero imprenditore,ma devo fare notare che la macchina di rinnovamento sembra sia partita e adesso ho visto il tabacchi al piano partenze inoltre ho saputo che gli affitti nei locali commerciali di competenza della Gesap sono abbastanza cari…quindi penso sia difficile per un semplice commerciante gestire un negozio affrontando queste enormi spese.Io proporrei di fare abbassare questo enorme costo fisso cosi magari si potrebbe fare lavorare i piccoli commercianti.
      Buona giornata a tutti!!

    77. guardando a chi sono intestate le licenze in aeroporto sembra che sono sempre i “soliti noti” il cambiamento potrà avvenire soltanto quando verrà rimosso l’attuale CDA e ci saranno (lo spero) bravi ed onesti tecnici e non ominicchi di partito.

    78. Forse non è il post adatto e mi scuso, sono partita la scorsa settimana e volendo acquistare qualcosa mi sono fermata nell’unico negozio aperto, quello delle ceramiche siciliane. Sorpresa! Le ceramiche sono MADE in CHINA! Non vi sembra vergognoso?!
      Un negozio in aeroporto che dovrebbe vendere e valorizzare la ceramica siciliana vende prodotti cinesi? Per chiudere, leggo sopra che c’era una enoteca e prodotti tipici siciliani, perchè adesso non c’è più nessuno?
      Misteri siciliani.

    79. Roberto Helg, presidente della Camera di Commercio di Palermo nonchè vicepresidente della Gesap in accordo con Carmelo Scelta direttore generale della Gesap decidono quali aziende possono lavorare in aeroporto, non voglio aggiungere commenti, basta fare un giretto in aeroporto o su internet per capire come funziona. Cara Martina non pensi che sia un metodo da repubblica delle banane?

    80. Cara Martina, è evidente che l’ente gestore dell’aeroporto di Palermo ha autorizzato l’azienda di ceramiche siciliane a vendere anche quelle cinesi.
      Indignarsi? In effetti se non fosse per la pasticceria in aeroporto non ci sarebbero più prodotti made in Sicilia. Sarebbe bello leggere una risposta in merito dai vertici della Gesip.

    81. Il turista che compra in aeroporto la ceramica cinese spacciata per siciliana? La risposta della Gesap ( non Gesip) non arriverà mai, hanno un loro preciso stile (non gliene può fregare di meno). Considera anche chi c’è dietro quella azienda.

    82. Perchè hanno fatto chiudere la Ceramiche Parrucca che a quanto mi risulta è un artigiano produttore a differenza di Siciliarte che è un rivenditore di ceramiche (anche cinesi)

    83. Mariano, il concorrente di Parrucca è il cognato di Ciccio! Ciccio chi? Il Presidente della Regione!

    84. “Ciccio” Francesco Cascio è il Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana e non della Regione Siciliana!

    85. Caro Rosalio, ancora grazie per l’ospitalità che mi hai dato, ti segnalo che i link “portano” al vecchio sito che non gestisco più, ti chiedo se possibile di cambiarlo con il blog: http://buonasicilia.blogspot.com/
      Grazie Alfredo Nocera

    86. Caro Rosalio, il tempo è galantuomo!
      Sette anni fa denunciavo alla Polizia e tramite il tuo ed il mio blog, Repubblica ed il Giornale di Sicilia (ed alla Confindustria ed al Presidente del Senato Dott. Renato Schifani senza ricevere risposta), l ‘ espulsione della mia azienda dall’ aeroporto di Palermo a differenza di altre.
      Con l’ arresto del Cavaliere della Repubblica Italiana, Commendatore della Repubblica Italiana, presidente della Camera di Commercio, presidente della Confcommercio, componente di Unioncamere, di Unicredit , Presidente del Confidi Fideo ………e vice presidente di Gesap Dott. Roberto Helg finalmente la conferma alle mie denunce.
      Il problema era che non poteva richiede una tangente ad un tizio associato ad Addiopizzo, che collabora con Libera Terra e dalla denuncia facile! Una mina vagante in aeroporto!!
      Spero che le indagini risalgano anche ai compagni di merenda di questo delinquente (e ci sono, ci sono)
      Una vittoria con tanto amaro in bocca.
      Statti bene, Alfredo Nocera

    87. Caro Alfredo per salvare la loro faccia da culo ti dovrebbero dare un locale in aereoporto gratis per sette anni, poi vorrei capire perche’la tua denuncia allora fu seppellita sopra qualche scrivania e perche addio pizzo non fece nulla per te.
      UN BACIONE ALFREDO LA PALERMO DEGLI ONESTI TI STIMA E TI VUOLE BENE.
      Cesare Di Cesare

    88. Fiducia nella giustizia? Da quello che leggo sopra e dai giornali mi sembra assurdo che nessuno sia intervenuto. Leggo che il Sig. Nocera aveva presentato una denuncia circonstanziata sui fatti avvenuti in aeroporto ma non è accaduto nulla. Hanno perduto la denuncia? Perché non ci sono state indagini? Qualche magistrato ha letto la denuncia e se si perché non ha ordinato indagini. La fiducia dei cittadini nello stato e nella giustizia è bassa, ma quando accadono casi come questi l’ opinione del cittadino è quella che tanto denunciare non serve a niente. Inquietante, molto inquietante.

    89. Forse è il caso di coinvolgere il commissario Raffaele Cantone per capire perché nonostante le denunce di Alfredo Nocera e di Mimmo Di Carlo non siano state avviate indagini sulla gestione della Gesap.

    90. Sul Giornale di Sicilia di oggi esce fuori il nome Siciliart forse quelli che hanno preso il posto di Buona Sicilia? Siciliart – David Tuttobene?

    91. La commissione antimafia che ha fatto in aeroporto? Una perdita inutile di tempo e risorse. Una delle fonti più preziose è il blog di Castrenze Sciambra ecco l’ultimo post: http://castrenzesciambra.blogspot.it/2015/03/60-appalti-anomali-punta-raisi.html
      Basta leggere queste informazioni e poi informare le forze dell’ ordine.

    92. Le gare dove sono ?

    93. Siciliarte aeroporti di Palermo e Catania, Mida a Mondello, Calamida alla Cala e chissà quante altre concessioni su suolo pubblico sempre riconducibili a David Tuttobene cognato dell’ ex Presidente dell’ Assemblea Regionale Sicilia. Questa è la Sicilia, tutti sanno e tutti stanno muti. Speranza di cambiare qualcosa? ZERO E poi ci si chiede perché gruppi come Ikea o Decathlon ad esempio non investono a Palermo. Non ci vuole tanta fantasia basterebbe ascoltare le intercettazioni qualche commento più sopra. I soprusi che ha subito Alfredo Nocera con la sua Buona Sicilia sono gravissimi, la legge deve punire con grande severità il gruppo di colletti bianchi che fanno forse più male dei mafiosi con la lupara. Sveglia! Sveglia!

    94. Copione ben architettato.Mi beccano?Ho agito da solo in stato di necessità.Cosi il Sistema può continuare indisturbato a depredare soldi pubblici e taglieggiare .

    95. Lo stesso David Tuttobene socio di Giovanni Avanti ex presidente della provincia di Palermo nella DEMETRA EXCELSIOR S.R.L.? P.S. la Provincia è socio di maggioranza della Gesap. Che non sia il caso di inviare gli atti a Raffaele Cantone presidente dell’Autorità anticorruzione?

    96. Quando guardate gli occhi di una persona e lo sguardo risulta opaco,
      non c’è dubbio
      trattasi di ladro,

    97. Agnello e sucu e finiu u vattiu! Roberto helg è comodo a casa sua, Carmelo Scelta è stato momentaneamente sospeso amunì ca un ci fu niente pigghiamunni u cafè. Vedrete che finirà così. E se così sarà è meglio cambiare nome all’ aeroporto per rispetto a chi è intestato.

    98. Scusate scusate scusate, come appreso dal giornale L’Ora di oggi il socio di Giovanni Avanti non era si il cognato dell’ Onorevole Ciccio Francesco Cascio David Tuttobene ma bensì l’ altro cognato il Sig. Fabio Rubino. Onde evitare facili omonimie è il Signore citato in questo articolo: http://palermo.repubblica.it/dettaglio/la-parentopoli-dei-contributi-i-deputati-pagano-se-stessi/1631959

    99. Ha ragione Francesca “Agnello e sucu e finiu u vattiu!
      L’ ex presidente Roberto Helg è nel suo super attico dotato di ogni comfort con vista mare, l’ ex direttore generale Carmelo Scelta è “momentaneamente sospeso” libero e tranquillo e probabilmente anche senza perdere una lira. Questa è l’ Italia! Vergogna!!

    100. Ma il Dott. Fabio Giambrone che tanto sbandiera legalità e trasparenza perchè non spiega pubblicamente le motivazioni che hanno spinto la Gesap ad assegnare la concessione di Buona Sicilia a Siciliarte? Aspettiamo di conoscere la verità.

    101. Lo stato che fà? Non è proprio un buon esempio per chi vuole denunciare. Se lo stato non garantisce chi denuncia difficilmente potrà chiedere ad altri cittadini che non si vogliono piegare alle logiche di questo mercato di denunciare come in questo caso brogli.

    102. Io affermo un altro punto di vista.
      Non c’è spesa pubblica che venga consentita senza un ritorno nei partiti di una volta e dei loro esponenti ai tempi di oggi.Quante volte abbiamo sentito dire
      con tangentopoli i soldi andavano ai partiti ed oggi direttamente a determinate persone?
      Il Sistema gronda ipocrisia ma sostanzialmente ogni occasione di spesa o di assegnazione di ruoli che poi producono un ritorno economico sono oggetto di ricatto.Sia che si tratti di una licenza di esercizio,o l’assegnazione di uno posto di lavoro.Tutti parlano almeno di 60 miliardi di euro che ogni anno vengono
      sottratti al l’erario,soldi che potrebbero essere destinati ad investimenti produttivi,.
      Ed invece prendono la via dei paradisi fiscali.E lo Stato,cioè noi ,e ‘ impotente essendo permeato di gente di malaffare.In verità non è chiaro come vengono stimati questi 60 miliardi di euro.Ma e’ la cifra denunciata da enti autorevoli.

    103. Quello che trovo più ignobile in questa storia è che dopo un’ ottima operazione dei Carabinieri è stato catturato uno con la tangente in mano, che si vantava di essere il paladino dell’ anticorruzione e adesso è nel suo superattico con vista mare a scontare gli arresti domiciliari! Nocera ha denunciato il malaffare ed ha perduto tutto. Fiducia nella giustizia? Ma andate a cac….

    104. Il magistrato applica o interpreta leggi esistenti
      Leggi ideate in quel parlamento dove risiedono fior di galantuomini nominati dai partiti politici
      che poi il cittadino vota .
      Ritenendo di vivere in un paese democratico.

    105. Sig. Alfredo Nocera dopo sei anni le viene data giustizia, dopo l’ arresto del presidente Helg adesso il licenziamento del direttore Scelta. Resta l’ atroce dubbio sul perché la sua denuncia non venne presa in considerazione. (un inquietante dubbio che speriamo i magistrati riescano a chiarire)

    106. Come è finita? Dopo il finto arresto di Roberto Helg (un giorno di galera e poi a casa) su tutte le televisioni, i giornali, internet si parlava di indagati eccellenti alla Gesap per corruzione, turbativa d’asta, associazione per delinquere e varie. Già tutto prescritto o è finita come troppo spesso accade in Sicilia , ” A tarallucci e vino”?

    107. Sembra che il rinnovo della concessione non sia stato dato perché Buona Sicilia era una azienda di Addiopizzo, associazione non gradita a alcuni in aeroporto tra i quali Roberto Helg. Ne sapremo di più prossimamente.

    108. Francesca, basterebbe leggere questo articolo http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2006/05/03/big-assenti-dalla-lista-non-chiamateci-cattivi.html?refresh_ce oppure un’ altro tra i tanti online per capire che tra Roberto Helg e Addiopizzo non c’è mai stata alcuna intesa.

    109. Ho seguito le vicende di Mafia Capitale, indagini partite da poco meno di un anno e già dal prossimo novembre si inizia in tribunale. Ho seguito le vicende della gestione dell’ aeroporto di Palermo – Gesap, indagini iniziate da oltre 5 anni e…….. ancora niente. C’è qualcosa che mi sfugge? Dovevano obbligatoriamente andare tutte cose in prescrizione?

    110. Ma la denuncia presentata da Nocera che fine ha fatto? E’ stata fatta sparire o ė arrivata sul tavolo di qualche magistrato? E se un Magistrato l ha letta ha ordinato delle indagini? Visto quello che accade al tribunale di Palermo…….

    Lascia un commento (policy dei commenti)