venerdì 18 ago
  • Immaginate

    Ieri ho visto cose che voi palermitani potete solo immaginare.

    Immaginate un parcheggio enorme, libero dalla mafia dei parcheggiatori abusivi, un euro per lasciare la macchina tutto il giorno ed un euro per lasciarla tutta la notte, ovviamente con tanto di ticket.

    Immaginate una navetta che, senza sosta e gratuitamente, accompagna gli automobilisti che posteggiano al “Talete”, così si chiama il parcheggio, dallo stesso al centro della città. Gli autisti sono in due e si danno di continuo il cambio, cosicché il mezzo non debba mai fermarsi.

    Immaginate un centro storico completamente ristrutturato, liberato dalle automobili. Immaginate zone a traffico limitato veramente funzionanti, telecamere ai varchi che puniscono i trasgressori (ne ho fatto le spese già due anni or sono). Immaginate gli ingressi delle piazze principali protetti da dissuasori cilindrici a scomparsa.

    Immaginate strade decisamente pulite, senza cartacce, bottiglie o lattine di sorta. Immaginate i cassonetti puliti, liberi dai rifiuti. Immaginate una squadra dell’azienda d’igiene urbana a lavoro nel pieno pomeriggio di una domenica ventosa. Tutti all’opera, non soltanto uno, mentre gli altri fumano, commentando i risultati della giornata calcistica.

    Immaginate orde di turisti ammirare le bellezze del luogo. Immaginate decine di scolaresche ascoltare le descrizioni delle guide. Immaginate i bimbi locali scorazzare con le biciclette senza temere di essere arrotati da un automobilista che parte, senza freccia, da un posteggio in tripla fila.

    Immaginate di raggiungere tale luogo senza prendere un aereo.

    Basta immaginare. Andate a Siracusa.
    O magari mandateci gli amministratori di questa Palermo, ormai allo sbando. Potrebbero accodarsi alle scolaresche ed imparare qualcosa.

    Palermo
  • 29 commenti a “Immaginate”

    1. Signor Giuliano,
      lei praticamente ha dimenticato di immaginare Palermo senza palermitani che gettano la netturbe ad ogni ora del giorno e della notte, che non usano l’auto per fare 100mt, che non vanno a fare la spesa senza abbandonare il posto di lavoro, una Palermo i cui commercianti non si lamentano se gli chiudono un pezzetto infinitesimale di centro storico, che non si lamentano se si mette un divieto di sosta proprio difronte la loro vetrina, che osservano le leggi in materia di rifiuti, una Palermo sgombera da bancarelle di immigrati sotto i portici di via Ruggero VII o di Mondello o difronte il Massimo, una Palermo nella quale nessuno si lamenta dei sacrosanti cordoli, le cui auto non invadono le corsie d’emergenza e potrei continuare all’infinito.
      Insomma ci dovremmo mettere gli svedesi a Palermo 🙂 (a beneficio di users in malafede questa è una provocazione, non dico sul serio)
      Comunque le faccio i miei complimenti, bell’articolo.
      Saluti

    2. Appunto immaginatelo perchè tanto a Palermo non lo vedrete mai…

      In questo Siracusa è anni luce avanti alla città di Palermo ….

    3. Grazie Mihele.
      Donato, ho preso alla lettera il tuo suggerimento;-)
      O, più semplicemente, ho toccato con mano e rafforzato il tuo post. La prossima volta, ne scriviamo uno a quattro mani:-)

    4. Va detto che Siracusa (ma parliamo di Ortigia, non di tutta la città) ha un centro storico fisicamente separato dalla città e quindi più facilmente controllabile.
      Inutile fare paragoni con Palermo, anche solo per motivi di scala di grandezza.
      Stesso discorso vale per Ragusa e il suo centro storico, Ragusa Ibla, che è come una specie di Erice ma attaccata alla cittadina. Anche Ibla è pulita, è vietato posteggiare ai non residenti e addirittura è patrimonio dell’umanità…
      Certo, è facile dare la colpa delle condizioni della città di Palermo e del suo centro storico ai palermitani. E’ facile perché è vero. Non è che viene gente da fuori a buttare le carte a terra apposta. Siamo noi. E siamo sempre noi a tollerare i posteggiatori abusivi (mi spiegate perché nel posteggio apcoa di via spinuzza ci dev’essere il posteggiatore abusivo che ti vende la scheda anche se ci sono i distributori? Perché?!)

    5. gia’… ma questo vale non solo per via spinuzza ma per tutte le zone blu del centro, via liberta’ e dintorni. E se per caso arrivi gia’ munito di scheda parcheggio li senti borbottare… alla puntualizzazione che gia’ paghiamo il comune o l’apcoa o quello che sia per parcheggiare, la risposta e’ “almeno il caffe’ me lo devi fare prendere”. La verita’ e’ che non controlla nessuno, e’ anarchia totale, siamo senza speranze.
      Comunque bellissimo articolo, l’anno scorso tornando a siracusa ho pensato “io qui ci vivrei…”

    6. Per dovere di cronaca: anch’io, fino a qualche mese fa, mi lamentavo dei parcheggiatori abusivi (fra l’altro ormai da un paio di mesi viene usata manovalanza straniera a piene mani) nelle zone di via Libertà e parallele; ci parcheggio almeno 3-4 volte a settimana; e da mesi non pago più; mi guardano male, dicono qualche parola, ma guardate che non uccidono nessuno (tocco ferro…!)…Finchè non proviamo (in massa) a non pagare, l’unica conseguenza sarà continuare (controvoglia) a versare questo pizzo…Non possiamo aspettarci che le nostre istituzioni ci diano una mano: siamo palesemente abbandonati…

    7. Immaginate un Palermo senza Diego Cammarata & Company: sarebbe già un buon inizio!!!

    8. Ma a Siracusa chi è il sindaco ?

    9. ragazzi mi sembra da parte di noi tutto abbastanza infantile continuare a parlare solo del sindaco e scaricare la colpa su di lui punto e basta.
      esistono un mare di amministrazoini comunali governate da sindaci ancora più inetti e incapaci di Cammarata, ma ciò che le differenza da noi è la mentalità dei cittadini. il sindaco non può controllare gli stronzi che abbassano il finestrino e buttano il pacchetto di sigarette vuoto fuori dalla macchina come non può controllare i parcheggiatori abusivi come non può controllare la gente che butta l’immondizia alle 3 del pomeriggio con tanto di orari davanti ai cassonetti.
      è la forma mentis del singolo che influisce sulla buona o cattiva condotta dell’andamento di una città; a maggior ragione se grande come Palermo.
      Vengono arrestati mafiosi ogni giorni ma finchè noi per primi continueremo ad alimentare il giro che ci sta dietro ai parcheggiatori ed a molte altre forme di mafia che si sviluppano in città potremmo chiamare anche il sindaco migliore del mondo ma non cambierà lo stesso niente.
      a mio avviso ci vorrebbe una dittatura di 4-5 anni per fare cambiare un po le cose (di qualsiasi colore politico basta che qualcuno faccia qualcosa!)

    10. @ Manfredi: scusa ma dissento da questa tua affermazione: “il sindaco non può controllare gli stronzi che abbassano il finestrino e buttano il pacchetto di sigarette vuoto fuori dalla macchina come non può controllare i parcheggiatori abusivi come non può controllare la gente che butta l’immondizia alle 3 del pomeriggio con tanto di orari davanti ai cassonetti”

      Il Sindaco può eccome controllare cose di questo genere. Dovrebbe dare delle disposizioni precise alla Polizia Municipale per esempio, ed esigere da loro la massima efficienza. Secondo me poi i cittadini imparano.

      Sul fatto che comunque i cittadini abbiano le loro responabilità sono d’accordo. Ma gli “istinti” della gente dovrebbero essere tenuti a bada dalle istituzioni

    11. Ci vogliono bacchettate! Atraverso multe severe per i Palermitani, perché si possa inculcare quella civiltà sconosciuta alla grande maggioranza…

    12. Ok, parla della Spagna. Tutto questo esiste a Barcellona, Pamplona, San Sebastian, Burgos, etc…
      Non sono stata al Sud, ma sicuramente esiste al Nord della Spagna.
      Anche i cassonetti a scomparsa, mimetizzati nell’arredo urbano ho visto a Burgos, pensate voi umani….

    13. Io sono per l’autoregolamentazione civica fra cittadini. E ve ne racconto una.
      Hanno fatto i cordoli in Via Maqueda per fare viaggiare i bus decentemente. Anche nei tratti dove non esiste il cordoli, devo dire che la maggior parte dei Palermitani si fa questa fila a marcia indiana, di notevole estenuante attesa. Entro in Via Maqueda da Via Candelai, ed essendo la fila bloccata, rimango nell’immissione al traverso, aspetto pazientemente che la fila scorra, per immettermi nella corsia giusta. Nel mentre mi sentro strombazzare da una scalmanata, che mi urla, sopravvenendo dalla corsia degli autobus e sorpassando la fila dei pazienti in attesa, ‘che cazzo fai lì, spostati’?.
      Situazione surreale. Quella in difetto era lei, che viaggiava veloce nella corsia degli autobus (che non poteva percorrere), e sbraitava perché io le ero di ostacolo. Le ho ovviamente risposto che l’irregolare era lei, nel mentre, la fila dei cittadini rispettosi é avanzata, permettendomi di immettermi, e la pazza é sguasciata via furente dell’ostacolo che io le avevo temporaneamente opposto.
      In sintesi, se mettessero delle belle battuglie di Vigili urbani a fine via maqueda a fare contravvenzioni ai soggetti suddetti nell’ordine di cifre di circa 200 Euro, per infrazione, come era successo qualche anno fa., eviterei di avere diverbi, con persone così poco dotate di civili costumi.

    14. Mr. Right, stavo per rispondere a Manfredi ma vedo che hai espresso esattamente il mio pensiero… il cittadino gia’ e’ quello che e’, ma se nessuno controlla per far rispettare le regole non si andra’ mai da nessuna parte. Abbiamo preso l’esempio di Siracusa… se nessuno entra ad Ortigia in orari non consentiti e’ perche’ sa che all’imbocco della prima strada sara’ multato. Qui invece tutti fanno tutto nella maniera piu’ indisturbata! Il cittadino va educato…

    15. Silvio concordo, se hai le tue brave schede da bravo cittadino parcheggiatore previdente, in macchina, posteggi e te ne freghi.
      Ci mancherebbe.
      Nella mia zona sono assediata dai parcheggiatori abusivi, nella mia zona africani in media, ma quando devo parcheggiare gli sventolo il cartello, loro cmq provano a chiedermi soldi, io gli dico già pago per questo, non posso pagare anche voi. L’altra volta uno in mancanza del mancato guadagno parcheggio, vedendomi con un pacchetto di sigarette in meno, mi ha detto ‘dammi una sigaretta’ (la mia prima riflessione é stata, e che sei mio fratello? che mi dici dammi?) . Gli ho detto no. Punto.
      Devo dire, perlatro, se continuano ad esserci esiste un mercato, ed esiste veramente, di palermitani poco provvidenti, che li usano come dettaglianti di schede parcheggio a spazio 0, mentre se facessero magari un’isolato, comprerebbero le schede regolarmente, senza incorraggiare queste forme di anomalo lavoro.

    16. @uma

      il sud della Spagna non sarà il massimo della pulizia e della civilità, se paragonata al resto della nazione, ma rispetto alla Sicilia, credimi, sembra la Svizzera

    17. c’è un parcheggio che frequento abitualmente, non dirò quale per rispetto della privacy inviolabile del relativo parcheggiatore al quale spettano tutte le garanzie costituzionali e sindacali elencate, in italia, nella famosa enciclopedia dei diritti degli altri in 1999 tomi. quando ho cominciato ho affrontato direttamente il parcheggiatore e gli ho detto: io verrò qui una o due volte al giorno, lei crede che io potrò permettermi di darle soldi ogni volta? non mi ha risposto ma mi ha guardato perplesso. a natale gli regalo 2 euro, magari anche a pasqua ma insomma è un fatto del tutto episodico ed eccezionale. ma lui resta lì, evidente che tutti gli altri, some usano i sicialiani di razza da secoli innumerevoli, si inchinano al prepotente di turno. beninteso: aiutare non significa dare i soldi al parcheggiatore, l’aiutop ha altre e più efficaci forme.

    18. ma infatti i parcheggiatori non sono una categoria da aiutare…anzi…
      p.s.: concordo con vou sul fatto che debbano esser i vigili a controllare i cittadini e le loro “inottemperanze alla legge” ma voi avete mai provato ad osservare come lavora un vigile?? basta fermarsi quando il semaforo è rosso all’incrocio di via perpignano…parlano tra di loro e ogni 3 minuti cambiano il colore del semaforo. STOP!!
      il concetto di multare quelli che usano la corsia d’emergenza in viale regione come corsia preferenziale non gli è stato insegnato forse quando sono stati assunti…
      bu??

    19. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.Gandhi.

    20. Franz, ammetto di non essere stata nel sud della Spagna, ma di avere avuto queste notizie da mia sorella che é guida tutistica e conosce molto bene la Spagna.
      Mi scuso per l’imprecisione su notizie di seconda mano.
      Per il resto, noi cittadini dovremmo essere i primi vigilatori di civiltà, il ché non significa organizzare ronde, ma chiedere al ragazzino maleducato di togliere i piedi dall’altro sedile, di alzarsi se c’é una persona anziana in piedi sul bus.
      Il rispetto delle regole civili prima passa dai singoli cittadini, che rappresentano la comunità, e poi dalle autorità che le rappresenterebbero.
      E comunque, educhiamo anche i vigili, mika fa male, oltre ad essere Pubblici ufficiali sono cittadini anche loro.

    21. Purtroppo questa è una città senza speranza…

    22. Scusate parlate di vigili urbani, domanda: ma a Palermo esistono i vigili urbani? Bisogna sguinzagliare una muta di cani per trovarli e, quanto li trovate è come se non ci fossero. Davanti a loro succede di tutto, ma non vedono, non sentono, non parlano.

    23. Facciamo prima noi. Ci beccheremmo, come capita ogni tanto a me, qualche vaffanculo, ma più siamo meglio é.

    24. Sorrido pensando a ciò che accade ogni giorno,a ciò che e’accaduto e che continuiamo a rivedere,c’e’anche una cosa triste da dire,ho visto ragazze all’incrocio di viale della reggione s.con via Pitrè quasi aggredite dai lava vetri molesti e nessuno che facesse o dicesse nulla e quando sono sceso dalla macchina sti bei tipi mi ridevano in faccia..e se ti incazzi perché hai appena speso 10euro per lavare l’auto e loro te la sporcano,non puoi fare assolutamente nulla,perhè vi ricordo che in italia,non ci si puo’ difendere dalle violenze,neanche da un ladro in casa,anzi offrigli un coffè che ci protrebbe restare male.Il palermitano ormai rispecchia perfettamente l’amministazione cioè se ne fotte di tutto.. puo’sembrare un’accusa grave,ma se così non fosse,ricordate quella storia di quei posteggiatori che picchiarono i vigili? bhe quelli sono ancora lì..Mi trovo d’accordo con molti di voi,manca il rispetto,manca il controllo “tranne che per far cassa”.via xxsetebre se ci mandi un vigile sai quanti parcheggiatori abbusivi dovrebbe fermare uno ogni 5 metri,e devo pensare che sempre quelli non ne sappiano nulla? hahah che ridere..Vi siete chiesti,dove son i vigili.Bhe guardate dietro i cossonetti in vilale Lazio o nascosti dietro qualche pianta per autovelox..gli altri?bhoo eppure so che sono tanti..forse ha ragione chi dice non che non c’è speranza,ma non voglio crederci.Siamo nati e cresciuti con l’oscura presenza di inquietanti e violenti personaggi,che ogni giorno ci usano violenza in un modo o nell’altro,putroppo vi sono le generazioni che vanno dal 69 a d oggi,che sono state sottomesse..mai visto ribellioni o vere proteste e ora ma solo ora grazie alla rete si riesce a leggere cose che altrimenti non si sarebbero mai ascoltate,ma non basta.Vero e’ che se al parcheggiatore non dai sodi ti guarda con quell’aria della serie “tanto domani ti ciunno la macchina”allora sapete cosa si puo’ fare? (visto che il comune non chiede aiuto alle altre forze dell’ordine) Posteggiamo gli diamo l’euro quando non sono due,e dopo esserci allontanti con il cellulare chiamiamo la polizia e denunciamo la presenza dei parcheggiatori,ma questo lo possiamo fare sempre in continuazione costringiamo le autorità a porre fine a queste violenze.. continueri ancora ma … poi mi verreste a picchiare..Se decidiamo di non aver paura,e di fare i “Palermitani” quelli che non si fanno mettere i piedi sopra,uniti per il bene comune e quindi di ogni singolo individuo,possiamo noi decidere che fine far fare a questa splendida Città… Vedi i francesi possono sembrare esaggerati,ma loro il precariato lo hanno meso lì…al governo…

    25. STANCO, perdonami, io sono una che ha sempre se possibile evitato al massimo i posteggiatori. I motivi molteplici, parcheggi in spazi non abibiti a parcheggio, se capitano i vigili, multano loro e te. Hanno il solo scopo di essere temporeggiatori, in quel caso e venire ad avvertirti prima che si facciano la multa. Nulla più di questo.
      Dove il parcheggio era consetito, io non li ho mai pagati (a parte che evito accuratamentedi usarne i servizi, appunto perché non ti garantiscono niente).
      Da un po’ di tempo c’* un esercito di ragazzi africani squinzagliati nel quadrilatero altro fra Piazza Croci ed il Politeama, dove abito io. Ammetto che mi sento oppressa da una piccola violenza privata, perché ogni volta che parcheggio, li vedo avvicinarsi, e sventolo preventivamente il pass. A qualcuno ho spiegato, già pago per questo, non posso pagare anche voi. Alcuni lo capiscono, alcuni ci provano. Al mio portiere gli hanno detto, ma non mi paga per averti tenuto il posto?
      Un paradosso, se mi metto davanti un posto libero tengo il posto a chi? O rompo le scatole a chi?
      Di contro, ci sono perché esiste il palermitano che pur di non chiedere dove si compri la scheda, facendosi mezzo isolato, preferisce comprala con la ricarica da loro. Quindi il problema é sempre dei palermitani. Io in via Spinuzza parcheggio a schede. il parcheggiatore mi diceva vuole la scheda , scendendo gli dicevo, sì, sto andando a comprarla. Che poteva dirmi?
      Niente infatti.

    26. Posso essere semplice nella discussione del problema?
      Basta non accreditarli noi per primi. Quando paghi un potseggiatore anche una volta, lo riconosci, gli riconosci un ruolo, che davvero non ha.
      Esistono zone dove si può parcheggiare e dove no. Nessun parcheggiatore può chiederti niente in zone dove il parcheggio é consentito anche con le schede. Laddove non le avevo, andavo dal bar o tabacchino più vicino, le compravo e le mettevo sul cruscotto, tutto di fronre agli abusivi, che possono dirmi? Niente.
      Se stai nelle regole, puoi usare la mancata ottemperanza alle regole, se non ci stai, non puoi difenderti.
      Poi ci sono i casi di abusi del pubblico. I dipendenti di Villa Sofia hanno posti riservati ridicoli, in forma percentuale, e quindi dovrebbero pagare circa 8 euro al giorno di schede se vogliono parcheggiare nei pressi o dentro villa Sofia. Anche questo é un problema, perché trattasi di 40 euro a settimana, e 120 euro al mese, il che non é proprio pochissimo.
      Quindi, o i dipendenti dell’ospedale sono costretti ad usare i mezzi pubblici vedi autobus (costo 1 euro ogni 2 ore), e cmq 14 euro a settimana (se A/R), e quidi 42 euro mese, che sarebbe molto più econiomico che prendere la macchina se ti si assicurasse un servizio ineceppibile, e non per prudenza magari alzarti 1 ora prima, per arrivare al lavoro causa disservizi.
      Che dire? Mi ricordo il film di Benigni-Troisi ‘non ci resta che piangere’, chi va là, altolà, un fiorino.

    27. Siu potrebbe trovare un modo per i dipendenti di servizi di emergenza (e quindi sanitari, Vigili del fuoco, 118, laddove l’interesse pubblico é provalente di lasciargli aree non dico a costo 0, ma a costo ridotto, per gli impiegati, laddove finiscano i posti percentualmente disponibili). Ma solo in casi di personale impegnati in servizi di soccorso alla vita. Mi spiace ma i 5 posti sotto casa mia, Via Nicolò Garzilli, riservati alle auto di servizio della regione Siciliana, tutti i giorni dalle ore 7.30 alle 20.00 (poi fatemi vedere un impiegato regionale che va al lavoro alle 7.30 ed uno ch ne esce alle 20.00, mai visto), a servire gli Uffici della Federico II, della sezione di cinematografia della regione. Tutti, ovviamente settori di somma urgenza per i cittadini.
      L’istituto della vergogna e del normale buon senso, non é evidentemente patrimonio di chi gestisce la cosa pubblica. L’impudenza e l’arroganza sono invece le prime ragioni dell’agire, evidentemente.

    28. Ma come possiamo fare per costringere il nostro beneamato sindaco a smettere di ignorarci? Per me è peggio delle estorsioni giornaliere in via Archirafi…..ci sarà pure un modo per avere un dialogo! Non risponde neanche alle petizioni!!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)