martedì 30 set
  • Dal Piano a Piana: allaghiamoci…

    Dovremmo gioire perché si apre un nuovo ciclo.
    Dovremmo gioire perché mai più uova su di noi.
    Dovremmo gioire perché amiamo metterci in gioco.
    Non possiamo però non tirare un sospiro amaro pensando al Piano Nobile di EXPA al buio.
    Da oggi EXPA apre un nuovo bellissimo spazio sul lago di Piana degli Albanesi, ma chiude le meravigliose terrazze del Piano Nobile limitate da un’ordinanza del tribunale che le vuole ogni sera off alle 23.
    Uova dai balconi e poca attenzione nei confronti della promozione culturale ci hanno spinto a cercare “pace” altrove.
    Cerchiamo nuovi stimoli imprenditoriali e culturali invece di piangerci addosso come spesso ama fare il palermitano perennemente insoddisfatto.
    EXPA da settembre continuerà la propria programmazione di mostre di architettura e design, ma sposta le attività culturali della stagione estiva dove è possibile sfogare creatività senza ostacoli e prevaricazioni.
    Piana degli Albanesi risponde al nostro entusiasmo donando entusiasmo, abbiamo voglia di allagarci e di allagare chi ci vuole seguire sul meraviglioso lago…oggi, infatti, si parte.

    EXPA/STAZIONELAGO è un ex casello ferroviario sul lago, un centro di produzione di land art con residenza d’arte, light food, designbar, dancefloor, relax area ed info point.
    Un ambizioso progetto di fruizione alternativa del lago di Piana degli Albanesi, località a 30 minuti da Palermo, oggi in piena rinascita culturale e sociale con una attiva ed intraprendente comunità siculo-albanese.

    Il progetto STAZIONELAGO intende presentare nel modo più completo e ipertestuale possibile i risultati di esito creativo di luoghi naturali, simbolo dell’area mediterranea, reinterpretati dal linguaggio creativo delle arti, e trasformati in spazi creativi.
    Riteniamo l’arte la chiave universale per consentire una fruizione attenta degli spazi nel rispetto della natura che li ha generati, STAZIONELAGO vuole riconvertire brani di riva del lago, caratterizzato dalle splendide bellezze morfologiche e faunistiche e dalla rigogliosa flora, in motore creativo.
    A partire dalle stanze della stazione che saranno trasformate da artisti nazionali ed internazionali in stanze d’autore dove provare l’emozione di soggiornare e dormire in un museo vivo senza barriere fra arte e fruizione, il progetto STAZIONELAGO prevede la produzione sul modello della Fiumara d’Arte di installazioni di land art lungo le rive del lago e sul suo specchio d’acqua creando dei veri e propri percorsi naturalistici/artistici.
    Gli artisti alloggeranno per un periodo di due settimane nella residenza d’arte della Stazione ed in tale periodo produrranno un’installazione che nel tempo formerà un parco di “art in nature” attorno al lago.

    Il primo artista invitato è DOMENICO PELLEGRINO, giovane talento siciliano con consolidata esperienza in installazioni urbane, che realizzerà sullo specchio del lago una suggestiva installazione luminosa con palloni aereostatici e filamenti luminosi e prossimamente un’opera in ferro e resina retro illuminata sulle pareti del casello stesso, a seguire è stato invitato l’artista VITO DRAGO, originario di Piana, ma operante a Londra, con numerose prestigiose mostre internazionali all’attivo. La prima art room verrà invece realizzata grazie al sostegno della Lunetto Group e di Rezina, proprio durante l’opening, dai due artisti ALESSANDRO GIGLIO e MAURIZIO ZOPPI, già noti al livello nazionale per il discusso murales su Matteo Messina Denaro, ed ancora per la seconda art room sono stati invitati gli artisti del LABORATORIO SACCARDI presenti con una loro opera nella collezione del museo regionale d’arte contemporanea Riso.

    L’obiettivo del progetto STAZIONELAGO è quello di offrire quindi un luogo anticonvenzionale dove poter godere delle bellezze naturalistiche del lago e della sua flora attraverso l’arte, un sito dove poter dormire, bere e mangiare ma sempre immerso nell’arte e nelle sue declinazioni.

    Siamo ottimisti, le papere del lago difficilmente ci lanceranno uova…o almeno lo speriamo!

    Ospiti
  • 7 commenti a “Dal Piano a Piana: allaghiamoci…”

    1. dalla descrizione sembra molto bello sia il progetto che il posto,spero di venire a vedere questo nuovo spazio presto.
      in bocca al lupo !!!

    2. Cari Tiziano e Giuseppe,

      stasera si parte e io e il buon Pippo ce la stiamo mettendo tutta.
      Sarà un’inaugurazione stupenda…..a stasera!!!

      Baci

    3. si ma… in via Alloro??? l’Expa deve essere a palermo… perchè si chiama expa altrimenti?????? un’altra bella cosa che se ne va per non tornare più…

    4. Ragazzi, in bocca al lupo per questa nuova esperienza (…o nuova scommessa?)!

    5. da lodare l’impegno continuo e costante di chi, come Tiziano e Giuseppe, promuove l’arte, la cultura e le nuove iniziative, tendendo una mano al progresso socio culturale!!!
      Noi saremo sempre al Vostro fianco…in controtendenza al ” palermitano perennemente insoddisfatto”
      Come sempre Ottimo Lavoro!!
      Grazie Ragazzi!
      a questa sera…
      Paolo!!!

    6. si… ottimo lavoro davvero… ok… però non è più a Palermo…..

    7. BUONGIORNO,
      DESIDERO AVER INFORMAZIONI SULL’EVENTO DI LANDART STAZIONE LAGO, PERCHE’ NON TROVO NESSUN SITO DI EXPA.
      SIAMO DUE ARTISTI DI LANDART E CI INTERESSA MOLTO L’ARGOMENTO.
      GRAZIE E SALUTI
      MONICA

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.