sabato 19 ago
  • 30 milioni di euro per le aziende partecipate

    La Giunta comunale di Palermo ha approvato alcune delibere che stanziano circa 30 milioni di euro per le aziende partecipate per migliorare i servizi garantiti ai cittadini. Le risorse sono provenienti in parte dai fondi Fas, in parte del ministero dell’Ambiente.

    15 milioni e 455 mila euro andranno ad Amg per la progettazione e direzione dei lavori e per svolgere la funzione di stazione appaltante per la manutenzione straordinaria degli impianti di pubblica illuminazione quartiere Oreto-Stazione-Villa Giulia (4300000 euro), del quartiere Mondello Valdesi (4690000 euro), di Partanna Mondello e della litoranea Addaura-Arenella (4820000 euro), degli impianti di pubblica illuminazione all’interno del quadrilatero Sciuti-Lazio-Libertà-Notarbartolo (1645000 euro).

    Circa 15 milioni e mezzo di euro andranno all’Amat per procedere alla sostituzione di mezzi inquinanti della flotta comunale con altri a basse emissioni, alla realizzazione di una stazione di distribuzione del gas metano per la flotta pubblica nel parcheggio di viale Francia, al potenziamento della stazione di distribuzione del gas metano per la flotta pubblica nel deposito autobus in località Roccazzo, al potenziamento del car sharing e della mobilità con mezzi elettrici, la realizzazione di corsie preferenziali protette con cordoli, l’ampliamento del sistema di videocontrollo del traffico all’interno della Ztl e l’acquisto di nove autobus ecologici. È stata autorizzata la transazione fra l’azienda trasporti e il Comune con l’estinzione del credito vantato dall’Amat attraverso la corresponsione da parte del Comune di venti rate semestrali di cinque milioni di euro a partire dal 2012 e fino al 2021 e aumentato il capitale sociale.

    Palermo
  • Un commento a “30 milioni di euro per le aziende partecipate”

    1. Affidatele tutte ai privati. Finiamola con l’eccessiva presenza del pubblico spreco nei servizi al pubblico. Cerchiamo di farla finita col clientelismo che é forma di antica feudalità, di chi sta al potere designa vassalli e valvassori e giù di lì. Possibile che nel 2011-12 siamo ancora al sistema feudale?

    Lascia un commento (policy dei commenti)