domenica 17 dic
  • Alcuni chiarimenti e informazioni sul Movimento 5 Stelle

    Scrivo su questo blog per correggere le informazioni errate che ogni tanto vengono scritte o dette sul Movimento Cinque Stelle e sulla nostra candidatura alle elezioni amministrative 2012 di Palermo.

    Non siamo candidati alle primarie del centro sinistra e non siamo fra i candidati del centro sinistra come ad esempio è stato erroneamente scritto il 5 dicembre in un articolo pubblicato su rosalio.it.

    Il Movimento Cinque Stelle (M5S) ha poche regole base e sono:

    • nessuna alleanza con alcun partito;
    • casellario giudiziale pulito (i nostri sono pubblici online);
    • non bisogna essere iscritto ad alcun partito;
    • ogni candidato può aver svolto in precedenza un solo mandato elettorale a livello centrale o locale ed a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura;
    • ogni candidato si impegna a rimettere il mandato elettorale ricevuto, nel caso in cui, nel corso del suo svolgimento perda uno o più dei requisiti minimi sopra descritti o si dimostri che non li abbia posseduti fin dall’origine.

    A quest’ultimo punto aggiungiamo che è consuetudine ormai diffusa e già attuata da molti consiglieri del M5S, quella di effettuare un’assemblea pubblica ogni 6 mesi dove gli eletti illustrano il comportamento tenuto ed il lavoro fino al momento svolto; nella stessa assemblea gli viene confermata o meno la fiducia per altri 6 mesi.

    È importante, per noi, sottolineare che non siamo candidati del centro-sinistra. Lo specifichiamo per vari motivi: per rispondere alle legittime domande di chi è abituato a vedere due schieramenti (dx e sx), perché non vogliamo essere associati a chi in Italia in questi anni è stato il miglior alleato di Berlusconi e della azione del centro destra (v. ad es. la dichiarazione di Violante alla Camera in “Viva Zapatero”), perché non abbiamo nulla in comune con chi è stato favorevole al nucleare e ha poi cambiato idea in prossimità del referendum o si è opposto alla richiesta da parte dell’ Ordine dei medici dell’Emilia Romagna che chiedeva di non costruire più termovalorizzatori-inceneritori. Ed in ultimo nulla può accomunarci a chi ha partecipato allo spreco sispi da noi filmato e descritto in consiglio comunale; né mai ci alleeremo con chi ha preso il gettone di presenza per soli 10 minuti in aula.

    Siamo attivi a Palermo dal primo V-DAY del 2007 (informazione da tenere a mente per chi ritiene che siamo comparsi in prossimità di elezioni); e spesso senza mostrare simboli o mettere il cappello abbiamo svolto e partecipato a varie iniziative in questi anni (che potete leggere nella mia scheda insieme al mio cv) con l’obiettivo primario di creare un’altra mentalità, di fare cultura. Questo è lo spirito che ci ha portato ad aprire la Libera Pluriversità a Palermo, uno strumento che gratuitamente da anni cerca di mettere le persone nella condizione di imparare e di insegnare, condividendo le proprie competenze e la propria esperienza.

    Un’altra cosa che ci preme evidenziare, parlando del periodo che precede la votazione elettorale è che noi cittadini, che per lo più lavoriamo in aziende private, non abbiamo diritto all’aspettativa per fare una campagna elettorale adeguata al contrario di chi già svolge carriera politica, che essendo, per esempio, deputato regionale ha più tempo da dedicarvi.

    Inoltre, come Movimento Cinque Stelle rifiutiamo i rimborsi elettorali (nel rispetto del risultato del referendum del 1993), quindi le nostre attività sono autofinanziate (con parte del nostro stipendio di impiegati o di liberi professionisti o con risparmi di chi è studente o disoccupato) e al massimo riceviamo donazioni spontanee che pubblichiamo nel nostro forum e presto nel nostro sito. In conseguenza di ciò non vedrete né in giro per la città, né sui giornali nostri manifesti in spazi a pagamento, né tanto meno nostri manifesti abusivi.

    Non avendo consiglieri al Comune di Palermo avremo anche l’obbligo, nei tempi e modi previsti dalla legge, di raccogliere fra le 1000 e le 2000 firme per poterci presentare alle elezioni amministrative della nostra città.

    Fatte le opportune precisazioni, informo che abbiamo pubblicato da qualche mese il nostro programma che è sicuramente migliorabile, ma contiene delle ottime basi a nostro parere e chiunque abbia idee o suggerimenti può inviarcele. Non riteniamo di essere onniscienti, ma sicuramente vediamo l’impegno del cittadino come elemento centrale nella fase di proposta e realizzazione dei progetti, in quella della comunicazione e dell’informazione ed in fine nella fase della supervisione e della verifica.

    Ognuno ovviamente può non condividere la nostra idea di attivismo politico e scegliere di delegare il proprio compito nella società a pochi altri, come del resto è avvenuto in questi decenni. Noi non vogliamo più ipoteche sul nostro futuro: crediamo sia finito il tempo delle deleghe in bianco cedute a terzi. Abbiamo deciso di candidarci perché non ci aspettiamo più nulla dagli altri e vogliamo essere leader di noi stessi. Proviamo a progettare la città così come la vorremmo!

    Ospiti
  • 41 commenti a “Alcuni chiarimenti e informazioni sul Movimento 5 Stelle”

    1. Ma ce l’avete un lavoro? Tra le regole inserirei: avere un impiego…Ond’evitare di creare l’ennesima dipendenza da poltrona.

    2. Perchè ti è sembrato che i politici che lavorano siano meno attaccati alla poltrona. Pensa che ne abbiamo alcuni che prendono lo stipendio della poltrona e continuano tranquillamente a fare il proprio lavoro.

    3. Nel deludente spettacolo dei partiti e degli uomini politici per tutte le stagioni quello di Nuti sembra un discorso interessante e concreto. Mi verrebbe da dire ai miei concittadini che chi vota sempre le stesse sigle e le stesse persone non ha poi diritto di lamentarsi.

    4. @opt, hai perso l’occasione per star zitto, conta fino a 10.000 prima di dare voce al “cervello”

    5. La politica deve essere fatta da cittadini che per un breve periodo (due mandati vanno più che bene) svolgono il loro ruolo come servizio civile per la comunità e per le future generazioni. Basta con i politici di professione che agiscono solo per ottenere il consenso per mantenerli in carica.
      A Palermo, come in tutta Italia, ci vuole una rivoluzione culturale e i giovani del M5S sono una speranza per il futuro.

    6. Mi sta bene essere contro questa classe politica, TUTTA. Ma fare antipolitica non e’ nemmeno produttivo. Cerchiamo di essere costruttivi. Coinvolgere i cittadini e’ giustissimo, ascoltarli e’ pure giusto.
      Ma lasciare che ognuno amministri il suo orticello e’ equivalente a perpetuare l’anarchia che regna oggi. Tutti si fanno i c$%!i propri, senza alcun rispetto per il prossimo.

    7. Riccardo certo che se voi non siete di centrosinistra io sono Che Guevara! 😀

    8. Ennesimi voti persi….

    9. Siino, le ideologie di destra come di sinistra appartengono al tuo mondo: noi le abbiamo superate da tempo. Parliamo di qualità della vita, di mobilità urbana, di sviluppo sostenibile, di strategia rifiuti zero, ecc. e ne parlavamo già anni fa quando tutto ciò esulava dal dibattito politico di quello che tanto ti appassiona: non siamo nè a destra, nè a sinistra, se vuoi trovarci siamo avanti.

    10. giacomo, siete talmente avanti, che mi costringete a guardare indietro, e non sai quanto mi costi…. 😉
      certa antipolitica è il passo dei tempi, gente che si assiepa ancora una volta intorno a un leader, che è anche un po’ buffone, con un braccio allargato al populismo che ci abbocca, e il braccino ai caxxi suoi

    11. Ciao Stalker,

      senza polemica, ipotizzando che non ci sia alcun leader, in merito strettamente ai contenuti che proponiamo c’è qualcosa che disapprovi? Se si, cosa?
      Da dove si evince l’antipolitica a partire dalle cose che abbiamo fatto, che facciamo e che vorremmo fare?

    12. Avete sempre giocato sull’equivoco di essere di centro-sinistra, però siete stati smentiti, oltre che dal razzista Grillo (vedi avversione verso la cittadinanza concessa secondo lo “ius soli” – bi che parola difficile), dall’appoggio che avete sempre consapevolmente dato al centro destra, a partire da Cota contro la Bresso in Piemonte (unica vostra miserabile operazione riuscita) ed in ogni dove un candidato di centro sinistra fosse dato per vincente (ci avete provato e siete stati ridicolizzati a Bologna, a Napoli, a Milano ed ovunque).
      Ora ci provate a Palermo, addirittura provando a dissociarvi da Grillo, cioè dall’XXXXXXXXX (leggono minori) che vi ha fatto diventare almeno un numero. Fallirete miserevolmente, credo.
      E il fatto che vi vestiate in stile pidocchioso non vi rende di sinistra. Anche se qualche allocco ci cade sempre, come leggo. Portatori del nulla, ecco cosa siete.

    13. Vedi Siino, Orazio da uomo di sinistra ha fornito la prova che il M5S non lo sia.

    14. @Riccardo:
      Non basta essere onesti per essere validi. Bisogna anche saperci fare. Cammarata ad esempio, anche se fosse stato onesto (e non lo so…) avrebbe portato lo stesso la città al punto in cui è.
      Tu, nelle interviste fatte da Mobilita Palermo, hai dimostrato di non avere le carte in regole per fare il sindaco. Sarai onestissimo, per carità, ma non hai idea di cosa si stia parlando!
      Ti faccio una domanda: ti faresti operare al cuore da Totti solo perchè onesto? Non credo. Quindi, come prima cosa, se davvero vorrai fare qualcosa per questo paese, inizia STUDIANDO. Non è un offesa. Il 90% dei nostri politici non lo hanno mai fatto, e non intendo la laurea, intendo cose inerenti alla gestione della cosa pubblica.
      Oppure sarai solo uno dei tanti.
      Infine, ultimo consiglio, se vuoi davvero dare un taglio con la politica di un tempo smettila di fare discorsi come fossero spot televisisi (Berlusconi Docet) e parla di cose concrete.
      Per quanto mi riguarda io ancora un candidato sindaco non l’ho scelto e quindi sarei davvero felice di vedere in te qualcosa di nuovo. Ma per adesso, mi dispiace, non c’è….

    15. Kersal, come fai a giudicare se dimostri di non conoscere le proposte e le soluzioni STUDIATE da Riccardo & C.? Prova a fare domande a Riccardo in tema di mobilità urbana, ciclo dei rifiuti, trasparenza amministrativa, strumenti di partecipazione, qualità della vita ecc. e vedrai che è molto più preparato e fornito di soluzioni originali rispetto agli altri candidati: brutta cosa il pregiudizio (se non interessato)!

    16. Riporto un pezzo che mi sento di sottoscrivere in toto: http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/05/20/grillo-si-e-fermato-a-eboli/112561/
      A parte il dato “tecnico” di una gestione della comunicazione che dir pessima è poco, il M5S non parla la lingua della città, non parla ai bisogni reali e primari di Palermo, forse non li conosce neppure. Parla ad una città utopica che non esiste. Non so se sia “avanti”, come dichiara, ma perfino questo, a volte, può essere un limite.

    17. il movimento 5 stelle raccoglie voti che tradizionalmente appartengono alla sinistra. Si è appropriato di battaglie storiche come quella sul nucleare e sulla sostenibilità ambientale. Non vi alleate perchè l’unica cosa a cui serve alla casaleggio e gli amici banchieri e tenere la sinistra fuori dalle istituzioni per potere fare i propri comodi. a Palermo potremmo avere Rita Borsellino sindaco di palermo e invece voi lavorate per un 2/3% buttato al vento…una cosa buona potreste farla: prendere i contributi e almeno regalarli ai poveri. Neanche questo… buona fortuna

    18. p.s. la vostra utilità è pari a zero per il cittadino e la vostra competenza è ben rappresentata dal vostro candidato a sindaco che non si intende di nulla. il vostro casellario giudiziario non serve a niente. Con tanti giovani laureati in mezzo alla strada costretti ad emigrare…. ma fatemi il piacere! siete utili solo alle grandi lobby , strumenti consapevoli e inconsapevoli.

    19. p.s./2 e spero che non avete l’indecenza di volere chiedere il casellario giudiziario alla sig.ra Borsellino!

    20. I nostalgici del comunismo invece di guardare alle loro responsabilità (se Berlusconi è durato così a lungo è grazie alla loro inaffidabilità) ora inveiscono contro il M5S che gode di favorevoli dati di sondaggio. Gli stessi comunisti, qui a Palermo, sono degnamente rappresentati da Cracolici e Lumia, alleati di Lombardo: c’è da aggiungere altro?
      La Borsellino è un simbolo dietro cui agiscono furboni dell’ARCI: abbiamo già dato!

    21. I partiti tradizionali sono pieni di gente esperta e con carrriere politiche ultradecennali che hanno portato l’Italia e Palermo al fallimento. La partitocrazia non è stata in grado di dare spazio ai bravi come vorrebbe l’autore dell’articolo citato da Fabio Vento. Il sistema dei partiti è incapace di riformarsi e rinnovarsi. Solo degli “alieni” al sistema come i ragazzi del M5S possono dar vita a questa rivoluzione meritocratica.

    22. Far ancora governare a chi ha fallito negli ultimi 20 anni è una pazzia, dovrebbero rimediare ai loro stessi danni. Il M5S puo’ essere un’ottima alternativa.

    23. @Nicola:
      Guarda che parlo perchè ho sentito la videointervista che ha rilasciato a Mobilita Palermo, altrimenti non mi sarei mai permesso di esprimere giudizi.
      Ti consiglio di guardarla anche tu, e di farti una idea più precisa.
      Se poi Riccardo & soci hanno delle idee splendide ed innovative ma non le sanno esprimere è un altro problema di non secondaria importanza per un SINDACO.
      Ti voglio ricordare che la risposta “più trasparenza” non è valida per ogni tipo di domanda perchè spesso e volentieri non risolve il problema! (aiuta per carità…)

    24. Ma il programma lo hai letto?

    25. A parte illustri analisi socio-politiche, qualche luogo comune e veramente poche critiche costruttive, io ancora sui contenuti che proponiamo (e di cui in questi anni siamo stati attivi sostenitori) non leggo nemmeno un cenno. Il nostro programma è sempre qui: http://www.ilgrillodipalermo.it/elezioni-2012/programma/
      Quello che ci interessa è trovare e proporre delle buone soluzioni per questa città, quanto più pratiche possibili, e per fare questo abbiamo fatto e stiamo facendo rete con chi è interessato a studiare, condividere, correggere e migliorare.

    26. @Nicola e Giulia di Vita:
      Si lo ho letto. Bellissimo. A Stoccolma sarebbe perfetto.
      Ora vogliamo parlare di Palermo?
      Ti faccio un esempio:
      Gestione rifiuti: AMIA. Numero di dipendenti 2 volte superiore a quelli necessari. Inoltre 2/3 di questi dipendi sono stati promossi a ruoli quadro e pertanto non possone essere mandati in strada. Come lo risolvi? Dal tuo programma non si evince.
      Quello che scrivi nel programma diventa aria fritta. Per carità bellissima aria fritta, ma aria fritta.
      Tu lo sai che in interi quartieri hanno SOLO allacci d’acqua abusivi? Tu lo sai che ancora il collettore fognario di Palermo è al palo perchè l’impresa che lo aveva in appalto è fallita? E lo sai che significa questo?
      SOLDI. TANTI SOLDI. che il comune NON HA!
      Quindi come punto PRIMO del vostro programma scrivete NERO SU BIANCO come intendete trovare quesi soldi!
      E, vi prego, non scrivete “dalla lotta agli sprechi”, perchè anche ammesso E NON CONCESSO che riusciste in un giorno ad eliminare tutti gli sprechi (e sapete che è impossbile) avreste ridotto solo la voce di spesa meno corposa in quanto la voce maggiore sono gli STIPENDI. E non quelli dei dirigenti (che incidono per meno del 3% sul totale) ma di tutti gli operatori. E ancora rimarrebbero i tantissimi debiti che il comune ha.
      Vi basta? Altrimenti vi dimostro punto per punto dove fa acqua il vostro programma, magari di presenza davanti ad un caffè. Ripeto: fa acqua a Palermo. Non in assoluto. Le idee sono ottime. Ma dette così suonano molto come il “milione di posti di lavoro” di un tale…

    27. Per il M5S pagare uno stipendio pubblico che non valga il suo costo è uno spreco da tagliare: non si costruirà mai più il consenso attraverso le assunzioni clientelari.

    28. Tony, il M5S non è assolutamente di centro-sinistra, nessuna delle sue linee politiche lo è. Figurarsi il suo proprietario (da statuto) che, per esempio, ha più spesso dimostrato attitudini alla distinzione su base etnica (razzista è troppo?).
      Il M5S è un movimento sostanzialmente non-politico (e non è un complimento) che unisce alcune battaglie importanti con molte cose puramente qualunquiste. Ed anche un po’ di vere e proprie pazzie.
      E’ che in questo paese, vista la destra che abbiamo, essere sostenitori della necessità di una classe politica pulita e parlare di energie rinnovabili sembra di “sinistra”. Ma non lo è, e solo buonsenso.

    29. è raccapricciante leggere certi commenti, che dimostrano come molti di voi continiuno a farsi una opinione – errata – sul Movimento solo perche basate il vostro giudizio su quello che viene “pasciuto” da TV e giornali che puntano solo a deleggittimare il movimeto stesso.
      Primo: Beppe Grillo che alcuni credono “leader” non lo è per niente, non da indicazioni politiche di alcun tipo ai singoli gruppi presenti sul territorio nè alle decine di consiglieri eletti nei Comuni, e le sue dichiarazioni sono quelle di una persona libera di dire ciò che vuole senza che queste diventino parte del manifesto elettorale del Movimento (ma quanti di voi cambiano partito o idee politiche se Bersani o Berlusconi sparano una cazzXXXX? se uno è di sx e is uoi lleader sono degli emeriti incompetenti – come tra l’altro dimostrato – cambiano e diventano di dx e videversa?
      Secondo: perche non si vuol capire che il Movimento NON è realmente ne di dx ne di sx, per il semplice motivo che le soluzioni che propone nell’amministrazione di una città, esulano da posizioni “ideologiche” (Esempio scemo: esiste una raccolta differenziata o una mobilità di destra e una di sinistra?). Ed accusare di razzismo è no ridicolo, ma proprio stupido, perche la gente del Movimento viene quasi sempre dal mondo del sociale, dell’ambiente e dai movimenti civici che della solidarietà e dell’uguaglianza ne fanno uno dei loro principi basilari.
      Terzo: che il Movimento tolga voti alla sx o che addirittura sia alleato della destra è da morir da ridere!!! Non ci credete? leggete per esempio in Molise i risultati delle elezioni regionali 2011 (http://elezioni.interno.it/) e confrontateli con le ultime…il cx ha preso piu voti di prima ed il Movimento il suo 5,6% l’ha “rubato” eventualmente alla dx, così come è successo il tante altre città, e sapete perche? perche il Movimento prende i voti anche di chi ormai a votare non andava piu perche schifiato dai partiti!
      Aggiornatevi e poi parlate e poi abbassate i toni perche credo che molti commenti siano offensivi senza motivo…

    30. @ Fabio

      “Esempio scemo: esiste una raccolta differenziata o una mobilità di destra e una di sinistra?”

      No gestione dei rifiuti e mobilità non sono nè di dx nè di sx, le soluzioni però, in Italia, differiscono a seconda di quale schieramento le proponga. Non ci vuole essere arche di scienza per saperlo. (riciclaggio vs discariche e inceneritori, etc etc)

      Su questi temi Grillo & co. fanno finta di essere a sx (e invece sono solo di buon senso) e così pascolano nelle praterie di sx garantendo per lo più lasciapassare alla destra ed ai suoi valori, primo di tutti l’antipolitica.

      Poi darà pure libertà di azione, ma Grillo è nel simbolo e il suo nome e la copertura mediatica che garantisce fa si che qualche decina di saltafossi sia potuta diventare consigliere comunale. Se no, altro che elezione… avrebbero il posto si ma al mercato.

      Infine si il Molise, a parte che si parla di cifre irrisorie, … li il più a sx è ex DC… 🙂

      Fa pure finta di raccapricciare, però qui non siamo tutti scemi

    31. gentile @Fabio, le mie opinioni si sono formate sui documenti del sito del M5S e sulle dichiarazioni del suo proprietario, non ho detto leader. Beppe Grillo, da statuto, è proprietario del movimento.
      Dallo statuto:
      <>
      Non solo, sul sito del movimento c’è un Programma. Quindi sostenere che il proprietario non dia indicazioni politiche ai singoli gruppi è errato. Anche perché, sennò, ognuno potrebbe proporre quel che vuole e diventerebbe non un movimento ma una scatola.
      Ho anche detto che alcune proposte del movimento sono buonsenso.
      Altre sono demagogia (come ad esempio le tre proposte di legge per cui si son raccolte le firme).
      Altre son di destra, come la contrarietà al riconoscimento della cittadinanza dei nati in Italia da genitori immigrati.
      Che tolga i voti alla sinistra, è vero, ed è legato al fatto che le proposte di buonsenso, dopo 10 anni di Berlusconi, sembrino di sinistra. Ma la colpa non ce l’ha il M5S, ma i partiti di sinistra che non sono in grado di fare una proposta chiara e coerente e non hanno il coraggio di dire che Beppe Grillo è un qualunquista razzista e poco più.

    32. Grillo proprietario, questa è proprio bella, a testimonianza di un movimento intrinsecamente di destra, anche se dice due o tre cose di sinistra.

    33. Libero alieni? Preferisco i rettiliani ai grillini! 😀

    34. Credo che il movimento 5 stelle sia costituito da persone che ci mettono passione vera.
      Che credono alla possibilità di rifondare le regole della ‘politica’ (ed il virgolettato ha senso, nel senso che dovrebbe avere la politica, ossia il governo della comunità). Detto questo, nel movimento cinquestelle ci son molti idealismi anche molto ingenui, ma mi sta bene. Credo che l’Ingenuità sia un vantaggio politico.
      Il punto é essere attrezzati a cosa li aspetta se saranno eletti. In qualunque ruolo ipotetico.
      I ruoli a quel punto non puoi rifiutarli, li hai cercati.
      Concordo con loro, essendo anche io una persona con poca naturale malizia di vita, a pensare che se esiste la volontà, la costanta, e la determinazione, tutto si può fare.
      E’ un cammino duro, dove vi diranno che siete assolutamente fuori di testa. Però, se c’é un nucleo di idea vera sulla ‘politica’ e sul governo della comunità, credo che valga la pena di ascoltare.

    35. @Uma:
      l’ingenuità ci può essere nel ragazzo che si appresta a fare politica. Non l’accetto nel candidato sindaco.
      Ti rendi conto che se vincesse il M5S si troverebbe a gestire una città con tanti problemi senza il supporto di nessuno?
      Per riuscirsi devono avere spalle larghe e una visione chiarissima di ciò che devono fare. Non bastano i proclami!
      Il M5S è lodevole sotto tantissimi aspetti ma ha nella sua ingenuità la sua debolezza e il solo programma ne è la prova scritta. Pare un temino di un ragazzo del liceo. Non ha attinenza con la realtà.

    36. Niente da dire sulla passione, molto da dire sulla coerenza nella gestione dei rapporti con Grillo, dal quale sembra non abbiano mai preso nulla, tesi realmente poco credibile! Inconcludenza continua, promozione dell’antipolitica, non si cambia una città col solo obiettivo di inserire un consigliere comunale della propria lista (perchè di Sindaco è inutile parlare). Un programma condito solo nella struttura, poco nei contenuti, una guerra inutile pro OpenSource irrealizabile ed antieconomico, che dimostra come il movimento non abbia tecnici adeguati a supporto degli argomenti. La preclusione verso ogni partito, come se l’istituzione fosse sbagliata e non i tesserati che generano le cronache, è un’offesa alla partecipazione dei cittadini, argomento invece tanto sbandierato da questi giovani in cerca di visibilità. La gestione della res pubblica non è la pagina di un blog, il pareggio di bilancio non somiglia al manifesto di un concertino di piazza, rendersene conto, please.

    37. Kersal, tu magari a suo tempo hai votato Cammarata perchè ragioni come le persone che preferiscono sbagliare in massa piuttosto che aver ragione in pochi.

    38. @Vincenzo:
      Ah, quindi tu sei quello che ha ragione. E che sei un poco incompreso… eh sì… del resto noi pecoroni crediamo (a torto) che i soldi vadano racimolati uno per uno mentre tu sai che crescono sugli alberi. Noi pecoroni crediamo (a torto) che ad ogni buona idea deve seguire un progetto dettagliato su COME renderla attuabile, mentre tu sai che basta avere l’idea giusta che tutto va alla grande…
      eh sì…io sono un pecorone e tu hai ragione.

    39. @Vincenzo (e al m5s):
      vedi la cosa che più mi fa infuriare del m5s è che vi siete ispirati al modo di fare politica del peggior politico che l’Italia abbia mai avuto: Berlusconi.
      Il vostro programma è un insieme di slogan senza attinenza alla realtà che spacciate come verità assolute. Un esempio? La strategia Zero Rifiuti!!
      E’ basata sui divieti. Sacrosanti per carità, ma ti sei chiesto come fare a verificare che siano rispettati? Devi usare i Vigili Urbani. Ma vista l’estensione di Palermo e la diffusione del fenomeno devi usare TUTTI i VVU a disposizione! Eh sì, perchè anche se non ti sei informato, il corpo dei VVU a Palermo è sotto organico in quanto tanti sono stati promossi a ruoli d’ufficio e pochi possono stare in strada. E quindi devi assumere altri VVU (per il traffico!) e ti servono SOLDI che non hai. Allora metti le telecamere! (altri soldi!) Per poi scoprire che se io da via Croce Rossa vado a buttare un frigorifero a Brancaccio non potrò mai essere identificato!.
      E potrei continuare sugli slogan per l’energia, la lotta agli sprechi e bla bla bla
      Ma se scrivevate direttamente “Un Milione di Posti di Lavoro per tutti!!” non facevate prima??
      P.s. la vera rivoluzione sarebbe stata dire VERAMENTE la cosa che si deve fare: LICENZIARE.
      Salut

    40. Kersal, è evidente che non conosci le idee, il modo di operare e le persone del M5S, ma a parte i pregiudizi, cosa proponi?

    41. Vincenzo, innanzitutto io non mi sto candidando a sindaco. Secondo, quello che propongo è di risolvere i problemi di Palermo partendo da Palermo, non da una idea utopica di come dovrebbe essere Palermo.
      Ti faccio un ulteriore esempio (ma serve a qualcosa??):
      su Mobilita Palermo hanno intervistato Riccardo Nuti che, credo, parli a nome del M5S. Alla domanda circa il dissesto di Palermo la sua risposta è stata:
      1) Non abbiamo dati certi perchè ci nascondono le cose. Se divento sindaco conosco le carte e affronto il problema
      2) Ci sono gli sprechi come quello del manager bla bla bla

      E allora: 1) i dati ufficiali ci sono e non sono affatto buoni. Sarebbe il caso di cominciare a pensare a questo? Almeno per capire l’entità del problema. Poi se diventando sindaco ti accorgi che i dati sono anche peggiori, correggi il tiro, ma almeno non parti pensando di avere i soldi per montare millemila pannelli solari!!
      2) Gli sprechi nella città di Palermo si chiamano “dipendenti”. Se Vi foste presi la briga di leggere un rendiconto finanziario (essì bisogna anche studiare…) vi sareste resi conto che l’60-70% della spesa è data dagli stipendi ordinari (la gente comune incluse le partecipate), il 5-7% i manager ed infine il resto sono i beni di comsumo e le manutenzioni. Se tagli gli sprechi su manager (che comunque in parte ci vogliono) e sui beni di conusumo (che ci vogliono anche questi) quanto hai inciso? Un bel nulla.
      E allora dovresti agire sul personale. Ma come fare? Io non lo so! Perchè se è vero che almeno il 50% dovrebbe andarsene a casa nessuna legge italiana lo permette!! Anche se tu sai che Tizio è stato assunto perchè cugggino del Sindaco non puoi licenziarlo! E’ l’Italia.
      Per questo smettetela di fare temini e sfruttate le vostre (notevoli, ne sono sicuro) forze per affrontare PALERMO.

    Lascia un commento (policy dei commenti)