27°C
domenica 21 lug
  • Ancora un Natale con l'emergenza rifiuti a Palermo

    Orlando “striglia” la Rap: “Dimostri di potere svolgere il servizio”

    Nel corso di una conferenza stampa convocata per presentare i risultati della commissione d’indagine sulla Rap, istituita a dicembre dopo l’ennesima emergenza rifiuti, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha dichiarato: «La Rap deve funzionare meglio, l’azienda va riorganizzata. L’assunzione di nuovo personale? Siamo sicuri che il personale è tutto utilizzato in modo opportuno?».

    Al presidente Giuseppe Norata ha detto: «Tocca a lui decidere cosa fare con questa relazione, noi abbiamo fatto il lavoro che avrebbe dovuto fare l’azienda. Adesso individui le responsabilità e agisca di conseguenza, decida lui se segnalare ad altre autorità quanto è contenuto in questa relazione.

    La Rap rischia la revoca? Il sindaco ha aggiunto: «Il Comune può affidare a Rap il servizio di raccolta dei rifiuti solo se viene certificato che questa è una scelta economicamente vantaggiosa. Il 2019 è l’anno decisivo per la Rap. L’azienda deve dimostrare di poter svolgere il servizio».

    Palermo
  • Un commento a “Orlando “striglia” la Rap: “Dimostri di potere svolgere il servizio””

    1. La RAP è una “creatura” del sindaco Orlando creata dalle ceneri dell’AMIA. Nella realtà la RAP non era altro che l’AMIA con un altro nome. Stessi dipendenti, stessi dirigenti , stessi problemi e stesse criticità.
      Tutti i presidenti ( o amministratori unici) sono stati scelti dal sindaco tra i suoi fedelissimi. Ora Orlando minaccia di non rinnovare la convenzione con RAP, che ricordiamo è un azienda di proprietà al 100% del Comune. Dobbiamo aspettarci un altro fallimento? Francamente sarebbe una presa in giro. Infatti la eventuale nuova società non sarebbe altro che la RAP ( con gli stessi dipendenti, gli stessi dirigenti, gli stessi problemi e le stesse criticità) con un altro nome.
      P.S. Chiamala come vuoi sempre cucuzza è

  • Lascia un commento (policy dei commenti)

x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram