venerdì 24 nov
  • Compro casa

    Premesso che la faccenda non mi riguarda direttamente avendo avuto la fortuna di risolverla qualche anno fa, e premesso pure che sono veramente incazzata perché mentre c’è chi si aumenta lo stipendio di 500 euro a botta, c’è pure chi con 500 euro (e forse sono pure troppi) deve venire a patti con la sua dignità per camparci un mese, ho il desiderio di spendere un paio di paroline sull’argomento CASA a Palermo.
    Mi atterrò al vocabolario degli annunci immobiliari e prenderò in considerazione un single di 35/40 anni e con, quindi, un solo stipendio..
    Questione nr.1. GLI AFFITTI. Si va dal rifinito quadrivani in zona unni persi ‘i scarpi ‘u Signuri a soli 400 euro, al delizioso monovano in centro città a 600 euro (qualcuno mi spiega perché più nico è, più costa?). La scelta è tra lo svegliarsi alle 4:30 per essere sul posto di lavoro alle 8:00 e il mangiare pasta in bianco a fine mese perché 200 euro, ahi noi, fanno la differenza e fare finta che il cinema non ti piace e la pizza non puoi mangiarla perché hai lo stomaco imbarazzato (ipotesi tutt’altro che remota perché se mezzo stipendio se ne va per l’affitto ‘u scunciertu ‘i stomaco ti viene vero). Allora un povero Cristo che fa? Pensa, valuta, discute e riflette, si fa quattro conti e, mischino, si illude che se tanto mi dà tanto, meglio farsi un mutuo. La rata equivarrebbe all’affitto. E poi, dopo SOLO 30 anni il prezioso immobile sarebbe tuo. Vuoi mettere? Ci si imbatte dunque nella:
    Questione nr.2. L’ACQUISTO. E qui sorgono i problemi veri. Il suddetto povero Cristo monoreddito dovrà: dribblare gli astuti agenti immobiliari che sono diventati la categoria più temibile dopo gli squali. Impossibile vendere e acquistare casa senza l’intermediazione dell’agenzia. Se ti permetti di affiggere il cartello vendesi sul portone, ti verrà spardato nottetempo. Se decidi di spargere la voce il primo acquirente sarà un agente immobiliare e ti fotterà. Si libera un appartamento nel tuo stabile, ma il proprietario non vuole né venderlo né affittarlo? ‘Un può iesseri. Potrà capitare che ti chiamino per sapere di chi è, come sta, dov’è, se ci sono eredi. E tu allibito, con la cornetta in mano pensi ma come avranno fatto a sapere il mio numero e che due anni fa io e la proprietaria abbiamo preso insieme un caffè? Quindi, il povero venditore è costretto ad affidarsi all’agenzia.
    Interpretare l’annuncio del delizioso immobile.
    Di solito a luminoso trivani con servizi posto in zona centrale, corrisponde casetta a piano terra con pozzo luce da ristrutturare. I tre vani sono: stanza da letto-soggiorno-cucina e bagno senza finestre, stretto ma così stretto che se ingrassi non puoi più farti il bidet la mattina. Perché lo spazio tra il water e il suddetto è uguale uguale alla misura della tua coscia. Se leggi un annuncio che promette rifinitissimo bivani con giardinetto, aspettati ex casa popolare di 60mq, ristrutturata con archi e colonne ioniche all’interno e deliziosa vasca con pesci rossi nel mezzo di 5 mq di terra battuta (il giardino), sovrastata da putto che vomita acqua. (Non puoi manco fare rimostranze perché, per essere ristrutturata è ristrutturata, solo che forse l’architetto era sfriggiusu). A 180 mila euro. Per non parlare dell’attico vista mare. Posto che siamo su un’isola, qualunque sito al 7mo piano ha la vista mare. Solo che ci devi mettere un poco di fantasia. Uno per considerarlo un attico e due pi taliari ‘u mari. Avissi a livari davanti una cinquantina di palazzi ed è fatta.
    Condizioni di acquisto: superato l’inizio di infarto che ti coglie nel sentire il prezzo (per ora la media è 250 mila euro, zona popolare 90 mq, niente posto auto), ci devi mettere il notaio, spese iniziali di ripristino di luce, acqua, gas. E, dulcis in fundo, la parte dell’agenzia. Solo il 4%. E buttana di qua e di là, t’ha pigghiari 10 mila euro perché mi hai convinto che ho un metabolismo eccezionale e che non ingrasserò mai, quindi potrò farmi sempre comodamente il bidet e che d’estate quel bellissimo pozzo luce conferirà un non so che di romantico alle mie cene tete a tete?
    Testa di legno! Se riesco a farmi accettare il mutuo non ingrasserò mai perché non avrò i soldi per fare la spesa! Altro che tête à tête!
    E voglio sorvolare l’argomento mutuo che per ora è delicato. In bocca al lupo a chi ha deciso di intraprendere quest’avventura…

    Palermo
  • 19 commenti a “Compro casa”

    1. Maria, hai descritto esattamente quello che ho passato negli ultimi 6 mesi alla ricerca di una casa da comparere, che fortunatamente ho trovato. Ovviamente ho dato il mio bel 3% all’agenzia + una serie di imposte che ho dovuto pagare prima del rogito (ora si registra anche il compromesso)… Contando anche l’anticipo dato al proprietario… dire.. CHE BOTTA iniziale… senza aver firmato il rogito (cioè l’appartamento non è ancora mio) ho già bruciato i pochi risparmi messi da parte, in attesa che la banca dica si al mio profilo economico…. ragà.. ma quanto cabbasisi di documenti vogliono questi? Non si fidano mai e per giunta con l’ipoteca che mettono sulla casa, almeno per i prossimi 25 anni la cas sarà loro:(
      Cmq, per sollevare un pò l’umore sugli affitti a palermo, qui a Milano per un 2 locali (inteso come soggiorno con annesso cucinotto + camera da letto) la media parte da 600 euro in periferia, con il rischio di essere l’unico italiano nel raggio di 3 km, fino a 1500 in pieno centro (duomo e dintorni)… ovviamente in questo caso il bilocale sarà un open space che fa tanto fashion. Cmq in media siamo sui 750-850 euro che per un single con un stipendio di 1100-1200 euro (a milano la busta paga è più “corposa” ma ti fanno i pirtusi tra casa e spesa alimentare)è un bel dire!

    2. Almeno si riesce a comprare…
      ieri a Milano ho visto una casa di 67mq da riprendere da capo a 420.000€ (oggi sono scemo, mi scoccia fare il calcolo a mq)…
      Pesante come sparata, pagare 550/600€ per una stanza non è neanche bello

    3. Beh… io ho comprato fuori milano, un appartamento ex edilizia convenzionata, quindi edilizia popolare che ha un valore catastale molto più basso… ti dico che ho girato ben 6 mesi, provando anche la soluzione della casa in costruzione… ma ho lasciato perdere
      …cmq dentro milano non ho mai capito chi riesca a comprare?!?!?!? Io non sono ne un calciatore ne una velina:)

    4. è proprio vero Maria, ci si deve affidare ai soliti colpi di culo! si tratta di girare e girare e girare e girare impazzire per qualche mese finchè non trovi l’occasione ma si trova. L’altro giorno su tecnocasa c’era un discreto appartamento di 40mq a 30000 euro, ben tenuto e ben ripartito in una zona discreta e mica tanto periferica, unico neo 3′ piano senza ascensore ma per dei giovani è perfetto, anche per abitare!
      Come ho detto sono “Oasi”…nel niente, tra il 3 ed il 30.
      Io ho avuto la fortuna cercando un ufficietto per il mio lavoro piu’ che una casa per abitare al momento (anche se puoi viverci in una casa e nel contempo usare una stanza per lavorare eh!) e ho avuto dopo un pò la fortuna di ri-trovarla nel palazzo dove abitavo da 20 anni, la casa del portiere, bella e grande (80 mq) e trivani, neanche tanto da restrutturare e luminosa, finestre non a grate ma grandi e danno sul giardino quindi come un pian terreno anche se è leggermente seminterrato. Unico neo si passa dal sottoscala per entrare dove ci sono le cantine, ma chissenefrega, per 20000 euro va alla grande.
      Ma come ho detto sono oasi, bisogna stare lì e afferrare le POCHE occasioni…..

    5. ebbene si anche io rientro nella categoria e dire che ho avuto una botta de culo, 120 mq quasi periferia di roma ma ben collegata…180.000 e un mutuo sulle spalle; con l’agenzia è stata una lotta, ha voluto il 50% al momento del compromesso, risparmi completamente andati via e dopo 4 anni ancora non riesco a mettere un euro da parte….aiutoooooooooooo…

    6. Maria, Maria che brutto tasto hai toccato…
      sei sempre brava…
      🙂

    7. E delle spese notarili ne vogliamo parlare? Trovate onesto che per firmare alcune carte per l’acquisto di un’immobole si “fottono” (scusate il francesismo ma dopo averne fatto esperienza non riesco ad essere elegante con la categoria) almeno 7000 euro!!!

    8. A Roma è ormai comune una terza via. Non so quanto sia praticata a Palermo. Se si è single monoreddito si prolunga la coabitazione (spesso iniziata in epoca universitaria) ad libitum.
      Con tutti gli attriti, i conflitti e i malumori che comporta essere overtrenta e dover dividere casa con altr* non per scelta ma perchè l’alterntativa è restare a casa con mammà.

    9. Mari, “monovano in centro città a 600 euro”? sei ottimista! un paio di anni fa, adesso non so, c’era un monovano nel salotto di palermo che costava 1000euro al mese!!!! ed è vero che, anche se sei single e non ha che farne (solo solo le pulizie:BEDDAMATRE!!!) di una casa di cinque stanze… ma conviene con l’affitto…. costa meno che un bivano!!! anche in centro…bah!

      “Potrà capitare che ti chiamino per sapere di chi è, come sta, dov’è, se ci sono eredi. E tu allibito, con la cornetta in mano pensi ma come avranno fatto a sapere il mio numero e che due anni fa io e la proprietaria abbiamo preso insieme un caffè?” VERISSSIMO!!!!!! a casa mia hanno chiamato più volte… ma anche se fanno finta di essere ignari passanti…zsè…io lo so chi è!!! e glielo ho anche detto…. forse finalmente u capirono!!!…non chiamano da un pò…. DRRRRRIIIIN! AZZ! O_o
      😉

      bacibaci

    10. Maria…vorrei tanto poter ridere, credimi, ma piuttosto mi viene da piangere! 🙂
      Mariaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

    11. Reality: la ex moglie di un noto conduttore tv è in depressione perchè non riesce a comprare l’appartamentino di 60mq a 100 mt dal Duomo, a MI, dove attualmente abita in affitto, perchè le chiedono la modica cifra di 4ml di euro. La poverina è in analisi (GIURO! E’ VERO!), propongo di farle una colletta, almeno lei sarà felice!
      P.S. nota personale- fatemi sentire fortunata, lasciate che vi racconti del culo che mi è capitato: 200 mq, antico, soffitti alti, a volte (uno dei quali meravigliosamente affrescati:”Signò, ccà si un ci piaci ci passa ‘na manu di quacina…!” mi suggerirono i furbi venditori che intendevano recuperare l’anticipo x un cubo in via Oreto), terrazzino perfino, piccolo ma c’è. Correva l’anno 2001, a dicembre le trattative in lire, a febbraio 2002 l’acquisto in euro: 180 ml di LIRE!!! E il Notaio fu anche lui un Signore!!! Raga, questa casuzza mia me la sono addubbata che è ‘na meraviglia (capirai, a quel prezzo mi sono potuta sbizzarrire con i costi di ristrutturazione: 3 scale in legno, mansarda, soppalco, camino…sempre acceso!). Allora mia madre, vedendola, mi tolse il saluto x un mese, si era agli inizi del recupero del centro e mi rimproverava di portare a vivere mio figlio nel Bronx. Oggi vivo felicemente vicino al Tribunale, ho convertito mio marito che a tutt’oggi non lascerebbe mai più il centro, abbiamo abolito un’auto (tanto marito e figlio hanno le moto) e quell’unica che ci è rimasta, vista l’ubicazione, non ha motivo di muoversi per intere settimane. Unico neo: trovandomi a due passi dai più bei negozi “scendere a far 4 passi” diventa pericoloso per la carta di credito.
      Cmq il messaggio è il seguente: attivatevi nel cercare soluzioni alternative e indirizzate le vostre ricerche a soluzioni fantasiose, oltre alle maggiori possibilità di risparmio si evita di capitare in quelle anonime case grigie, corridoio, stanze a destra e stanze a sinistra, mattoni a scaglie e cessi verdi!
      AUGURI A TUTTI!

    12. Maria io scrivo da proprietaria di appartamenti e da desiderosa aquirente di casa.
      Ho una casa a Mondello in zona molto centrale, che affitto devo dire al prezzo di mercato per la zona.
      – Ma su questo affitto grava un ICI esponenziale (seconda casa, in zona considerata di lusso), le spese di manutenzione (siamo a mare, come si dice, e l’essere a mare comporta notevoli problemi manutentivi),che sono costanti, e che posso riassumere in una media di circa 6.000-8.000 euro l’anno. Questo Giustifica il prezzo dell’affitto di un villino a Mondello in zona centrale.
      Detto questo, faccio due riflessioni sul tuo discorso. Io ho una certa somma stanziata familiarmente per comprare casa, nel 2002.
      A parte che concordo con il discorso sulle agenzie, che non solo prendono un elevata provvigione, ma se non stai attento, rischi di comprare una casa con un affitto 6+6, e che quindi non potrai usare, o con mutui ancora non pagati, da riscattare, o con vincoli di usufrutto, etc…
      Quindi per chi vuole comprare, sempre meglio, vedere gli annunci dei privati, informarsi alla conservatoria del registro, sullo stato dell’immobile (se ha un mutuo in corso, se la dittà é fallita e l’immobile é messo nell’asse fallimentare, etc…).
      Oltre questo, una riflessione mia. C’é un caro mercato casa a Palermo, giustificato da più cose.
      -Uno, che ormai la casa é un bene-rifugio (la borsa é inaffidabile, i bot bassi, la casa é diventata una forma di investimento);
      Due. Che siccome molti non hanno necessità di vendere, mantengono i prezzi alti nel mercato, aspettando il compratore ideale;
      -Tre. Che siccome molti non possono permettersi certi prezzi, il blocco del mercato edilizio genera la necessità di abitazioni a prezzo adeguato, ossia si costruisce moltissimo, fuori dall’abitato cittadino.
      Si é arrivati al paradosso, che ci son case in vendita, ma invendibili a quel prezzo, e quindi inoccupate, ed invece si costruisce ancora e si occupa territorio, senza apparente necessità, per potere soddisfare esigenze medie di altri.

    13. Ciao Marì.
      Picciò, l’affitto è una vera jungla, prezzi esorbitanti, contratti in nero o con formule di una fantasia fantasticamente fantasiosa.
      L’ACQUISTO invece…pure, MA……. qui qualche consiglio ve lo posso dare, 1) Possibilmente evitare l’agenzia più famosa (avete capito no?), non ne capiscono niente, non sono dei tecnici ( hanno giacca e cravatta e niente più), e sono forse fra i principali artefici dei prezzi gonfiati che hanno fatto impazzire il mercato. 2) Se vi rivolgete all’agenzia fate in modo ( insistete) di conoscere il proprietario, poi avvicinatelo senza l’agente e subdolamente proponete: ” si svincoli dall’agenzia che risparmiamo tuttiedue, io invece di dare 6000€ a quelli gliene dò 2000 in più a lei”) Carogna x carogna.
      In banca, se siete ” piegati” come a mmè, rifiutate mutui variabili ancorati al ribor o chessòio, vogliono ancorare voi, accettate solo il buon vecchio mutuo fisso&costante, all’inizio è un pò più caro ma è sicuro ( ah, quanti colleghi piangono in questi giorni dopo essere stati accalappiati con tassi ballerini).

    14. Goku, io ho un villino a Mondello , non hai idea dove devo mettere i cartelli, per evitare che quelli delle agenzie li strappino.

    15. Bel post! In effetti anche io sono stato importunato da un procacciatore immobiliare. Una volta mi ha suonato a casa (ma chi gli avrà aperto il portone) per chiedermi notizie su chi era proprietario di quel tal appartamento che secondo lui era in vendita. Un’altra volta al telefono, e dalla voce ho capito che era lo stesso! Siamo in gabbia!

    16. Per chi fosse interessato all’acquisto, vendita o affitto della propria casa, ho scoperto un sito che pubblica annunci immobiliari in tutto il mondo senza chiedere alcun tipo di commissione per l’intermediazione. Andate a visitarlo è davvero interessante! http://www.globhouse.com

    17. io con lo stipendio che mi ritrovo e con le prospettive future, la casa dei “sogni” (appartamento o casa che si affaccia sul mare) me la posso scordare!!!!

    18. Maria, la tua descrizione è perfetta. Ma ti sei scordata una cosa: l’abitabilità. Molte delle case, soprattutto nel centro storico, non hanno l’abitabilità, o perché non ce l’hanno mai avuta, o perché l’hanno persa strada strada. Io è un anno e mezzo che scummatto con la mia casa da acquistare e relativa abitabilità, che come sai è necessaria per ottenere il sospirato mutuo che finirò di pagare alle soglie del mio sessantaseiesimo compleanno. Già, perché finalmente tra pochi giorni la mia casa avrà quel benedetto foglio su cui si dice che ci si può abitare. Più o meno.

    19. Onestamente non ho parole, sopratutto per persone come Maria Cubito o come uma.
      Non è chiaramente una novità il fatto che molta gente come voi prima passa dalle agenzie e poi cercano di scavalcarle.
      Da parte mia ciò che posso dirvi è che diverse volte mi sono trovato in sala stipula di notai ( scelti chiaramente come notai di fiducia dalla parte acquirente )e convincere le stesse parti ad alzarsi dalle proprie sedie e rinunciare al rogito perchè come proposto dal notaio sarebbe stato un atto nullo. E che dire di quando vengo in possesso di atti di compravendita con le classiche frasi scritte dai notai ” LE PARTI DICHIARANO CHE……. ” postille che un notaio non dovrebbe mai consentire di far sottoscrivere alle parti. E invece cosa succede? i notai sono sempre i professionisti e le agenzie sono solo fotti soldi.
      E’ chiaro che, come in ogni attività, anche fra gli agenti immobiliari ci sono le pecore nere, ma voglio vivamente invitarvi a non fare di tutta un’erba un fascio.
      Da parte mia posso annoverare fra la mia clientela gente che mi presenta amici e parenti per proporre loro affari immobiliari e questo quello che crea soddisfazione non il sudato 3% per la conclusione di un affare VERAMENTE SICURO.

    Lascia un commento (policy dei commenti)