domenica 19 nov
  • Presentato il progetto “Buoni dentro” al carcere Pagliarelli

    È stato presentato ieri mattina al carcere Pagliarelli il progetto Buoni dentro realizzato dall’ente di formazione professionale Infaop che ha l’obiettivo di riqualificare 30 fra detenuti e detenute e ampliare le loro possibilità di accesso al mondo del lavoro attraverso due corsi paralleli – con relativi laboratori – che al loro termine qualificheranno rispettivamente gli uomini come mastri pastai e le donne come operatrici socio-assistenziali.

    “Buoni dentro”

    Partner di Buoni Dentro sono il Pastificio Giglio per la formazione degli uomini, e la Cooperativa sociale Isola, per quella delle donne.

    Partecipanti al progetto “Buoni dentro”

    Francesca Vazzana, direttrice del penitenziario, ha dichiarato: ««Il progetto Buoni dentro rientra nell’ambito di un programma generale – che coinvolge ben 539 unità – mirato a tenere impegnati i detenuti in attività professionali, scolastiche, corsuali e lavorative interne. […] Grazie a questi progetti, tra cui anche Buoni dentro, è possibile creare un clima più disteso e sereno che contribuisce a ridurre il rischio di atti di violenza o peggio ancora di autolesionismo che, purtroppo, tendono per forza di cose a verificarsi con frequenza all’interno del penitenziario».

    Lettera donne.
    Lettera uomini.

    L’incontro è stato moderato dal blogger Tony Siino di Rosalio.

    Palermo
  • 2 commenti a “Presentato il progetto “Buoni dentro” al carcere Pagliarelli”

    1. sono stata li e sono andata ogni giorno al corso e stato da vero molto carino e mi sta aiutando ad vivere la mia vita

    Lascia un commento (policy dei commenti)