martedì 22 ago
  • Online blog, petizione e pagina facebook per Caselli candidato

    Il movimento Senza Ombra di Dubbio ha messo online un blog, una petizione e una pagina facebook per lanciare la candidatura a sindaco di Palermo del magistrato Giancarlo Caselli.

    Senza Ombra di Dubbio

    Il testo dell’appello:

    Circolano tanti nomi, nomi già sentiti che nulla hanno a che vedere con la Palermo che molti di noi vorrebbero. Per questa ragione abbiamo deciso di dire la nostra e dare voce a quei cittadini che immaginano un futuro diverso, capace ancora di entusiasmare, di regalare una nuova luce alla nostra città. La sensazione di vuoto politico amministrativo che avvolge e attanaglia Palermo, ci ha spinti a cercare oltre alle candidature, che a sostenerle bisognerebbe tapparsi il naso, un candidato ideale, un uomo capace di riattivare la circolazione di idee e progetti che, da un bel po’ di tempo, sono scomparsi dalla nostra vita civica.

    Ecco perché, riflettendo su tutto questo, ci è venuto in mente un nome. Un nome che è anche una storia, un nome che con la politica non c’entra niente, ma che ha saputo lasciare a questa città segni più profondi di molti attori che se ne sono impadroniti, rubandoci presente e futuro con la loro scarsa capacità, con il loro parlare a vuoto, creando un’esasperazione che non può assolutamente sfociare in qualcosa di buio, ma che deve invece essere canalizzata verso nuovi obiettivi e nuove speranze di cambiamento. Ci bastano poche semplici righe per giustificare un nome su tutti, Giancarlo Caselli, una persona senza ombre. Si proprio lui, un Magistrato (con la M maiuscola) che non abbia legami con la politica e con ambienti discutibili, un uomo libero che possa lavorare senza subire il ricatto di partiti e di padroni, l’uomo giusto per determinare la rinascita di Palermo.

    Per questo chiediamo al dott. Caselli di riprenderci questa città per farla diventare migliore, per riportare in superficie ciò che anni di malgoverno e collusioni hanno strappato via dalla sua storia logorandone l’immagine, minandone la credibilità ed infine rendendola improduttiva e sterile per i giovani e per tutti coloro che hanno subito il degrado crescente ed inesorabile che ci ha schiacciati, spingendoci alla deriva.

    Questo è un appello libero e pieno di affetto e stima, speriamo possa essere colto e accolto principalmente dal dott. Caselli, accompagnato dai tanti cittadini che sarebbero pronti a buttarsi con il corpo nella mischia per difendere il diritto a scegliere e votare per una persona come lui. Nel nostro piccolo, ce la metteremo tutta, sempre animati da un grande sogno di libertà.

    Palermo
  • 5 commenti a “Online blog, petizione e pagina facebook per Caselli candidato”

    1. Quella di Caselli è una grandissima candidatura! Se andasse in porto questa sarebbe veramente una lieta notizia!

    2. Magari! Magari! Magari!

    3. Mi viene da ridere. Non so chi possa sostenerla. Spero sia davvero una boutade di persone che non hanno nessuna idea reale delle cose.
      Ha immobilizzato la Procura di Palermo su un Processo politico, senza averne prove essenziali. Ha bloccato tutta l’attività della lotta alla mafia verso un teorema politico, rivelatosi, difficile da giustificare, facendo perdere tempo alla magistratura, e dirottando le indagini che erano necessarie a fermare attività realmente in atto.
      Come non essere assolutamente in disaccordo su questa idea di candidatura possibile, non so come altro spiegarlo.

    4. Bisognerebbe uscire dalla logica, cara a tanta antimafia di maniera, che un magistrato possa essere la migliore risposta. Ma che ne sa di Palermo Caselli?
      Quanto al processo Andreotti, andiamoci piano: ci voleva come il pane. La verità ha un prezzo che bisogna pagare. Così oggi sappiamo che Andreotti (7 volte premier, cattolico osservante, confessato di fresco ogni mattina), sapeva del progetto di assassinare il compagno di partito Piersanti Mattarella, avendo incontrato più volte boss della cupola, ma nulla ha fatto per evitarlo.

    Lascia un commento (policy dei commenti)