30°C
giovedì 22 ago
  • I paladini della civiltà e li pupi della giustizia incolore

    L’Orlando gioioso e folkloroso che non combatte i saracini ma pugna gli zozzoni trasgressori della nuova Panormo forse non ha ben visitato le strade della sua bella patria cittadina e nello special modo il nuovo salottino vanto del suo seguito e nuova fucina della fantasia culinaria palermitana.
    Questi harem del gusto oltre a perdere grazia e beltà per i cestini traboccanti in verità subisce più offesa venendo inquinato visivamente da un aggressivo ed inopportuno assalto di varia merce di contraffatta natura.
    Dalla pelletteria alla giocattoleria, che non CE, tutte queste immondizie commerciali deturpano ed inquinano quella rambla elegante che accompagna una variegata umanità del mondo.
    Ma alcuni variegati cittadini però insistono sulla promenade asfaltata con questi oggetti impropri, altri li acquistano alla faccia della legalità e della solidarietà commerciale e tutto ciò senza che nessuno li riprenda, li fotografi, li metta alla gogna social sputtanandoli e quindi li riprenda con fermezza civica!
    Tutto questo avviene alla luce del sole e dei neon.
    E nonostante ciò nessuna task force che passeggi e sanzioni, eppure ogni trasgressore è facilmente individuabile, dal palermitano al bengalese, tutti vendono merce non legale e senza licenza.
    Tutta Palermo ci passeggia, dal commerciante agli ex vigili urbani.
    Però del posteggiatore abusivo mussiano…… perché perdono l’euro……non perché alimentano un racket……solo per il principio ri farisi scippari l’euro.
    L’ambulante irregolare lo tollerano!
    Basta non comprare……si ‘un m’addumanni picciuli sii ‘u megghiu amicu miu…….non è così che va……..
    Chiunque trasgredisca, sia il palermitano con la munnizza o il bengalese con borse contraffatte o viceversa per entrambi, va individuato e sanzionato ugualmente.
    I venditori ambulanti di merce illegale non trasgrediscono di meno.
    Certamente arrecano meno danno di altri ma sulla carta resta qualcosa che non va fatta.
    Questo tipo di venditori ambulanti non fanno parte dell’immaginario palermitano e delle sue folkloristiche tradizioni.
    Allora io proporrei di formare un team di anti-ambulanti……con o senza Procura dei cittadini……. quindi avanzeremo a coppie di due, meglio uomo donna, ed ognuna sosterrà di fronte all’ambulante illegale malfattore…..
    Altri gruppi da quattro sbarreranno le possibili vie di fuga……ed al segnale convenuto…… solo in quel momento……ci lanceremo su di essi……cacciandoli via dal tempio…..!!!…….ehm….scusate…..sequestrando tutto e sgmominando questa banda di Beati paoli che deturpa il fiore all’occhiello dell nostra città!!
    Ma altolà tra di essi vi sono cittadini africani ed asiatici…….un momento…..vogliamo che il nostro redento cavaliere non furioso venga tacciato di razzismo perdendo quell’aura….quella Lega antirrazzista forgiata sulla cristiana accoglienza, giusto in-vestimento per i futuri scranni del Democratico Partito??
    Come vedete, caro pubblico di questo spettacolo di li pupi, tante cose non vanno bene, sono illegali e deturpano la città ma ognuna di essa va pugnata con fermezza, semplicità, determinazione e convinzione,tutte doti di un cavaliere che si lancia definitamente nell’impresa (non quella dell’Amat si intende!) senza strumentalizzarla o amplificarla ma sconfiggendola.
    Ma queste sembrano draghi eterni che ogni cavaliere palermitano attacca coccola dimentica e scarica al prossimo suo…….come se stesso. Amen!
    Tante realtà esistono da decenni……e non sono universi paralleli, purtroppo conviviamo e cresciamo con esse…….a volte il pupo di turno pesca dal sacco una determinata situazione (le altre le ignora) e la innalza all’onore della cronaca e poi dopo quatrru vuciati, ancora silenzio….
    I problemi legal sociali-civici (ed altri non citati qui) sono atavici e non si debbono strumentalizzare ma risolverli definitivamente in silenzio, senza fare il teatrino di Nofrio e Virticchio.
    Vanno risolti tutti senza ignorarne nessuno…. perché una cosa o è bianca o è……arcobaleno……le trasgressioni non hanno colore.
    Ci vediamo in via Maqueda…….forza task force…..andiamo e sgominiamo i deturpatori della nostra città!!
    Al mio segnale scatenatevi!!!

    …….. no no ballari……. ma chi ci trasi…..!!!!

    P.s.: lungi da me voler diffondere un messaggio discriminatorio e razzista ma anzi molto semplicemente e con giustezza vuol essere inclusivo e non discriminatorio piiché spurio da accuse macchiate da campanilismo ma piuttosto permeate di uguaglianza sia nel bene o nel male delle manifestazioni sociali evidenziate.

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

I paladini della civiltà e li pupi della giustizia incolore, 5.0 out of 5 based on 1 rating
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram